Art. precedente Art. successivo

Articolo 626

Codice Penale

Furti punibili a querela dell'offeso

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 626 Codice Penale

Si applica la reclusione fino a un anno ovvero la multa fino a duecentosei euro, e il delitto è punibile a querela della persona offesa:
1) se il colpevole ha agito al solo scopo di fare uso momentaneo della cosa sottratta, e questa, dopo l'uso momentaneo, è stata immediatamente restituita (1);
2) se il fatto è commesso su cose di tenue valore, per provvedere a un grave ed urgente bisogno (2);
3) se il fatto consiste nello spigolare, rastrellare o raspollare nei fondi altrui, non ancora spogliati interamente del raccolto (3).
Tali disposizioni non si applicano se concorre taluna delle circostanze indicate nei numeri 1, 2, 3 e 4 dell'articolo precedente [649].

Note

(1) Il c.d. furto d'uso differisce dall'iptesi base ex art. 624, in quanto ricorrono due particolari elementi costitutivi, individuati rispettivamente nell'intenzione di far uso momentaneo della cosa sottratta e nell'uso momentaneo accompagnato dalla successiva immediata restituzione della cosa o del tantudem eiusdem generis se si tratta di cose fungibili. A proposito della restituzione si ricordi che la Corte Costituzionale con la sent. 13 dicembre 1988, n. 1085 ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della norma nella parte in cui non estende la disciplina ivi prevista alla mancata restituzione, dovuta a caso fortuito o a forza maggiore, della cosa sottratta.

(2) Tale fattispecie di furto richiede il concorrere di due elementi quali il tenue valore della cosa, da valutarsi in base ad un criterio oggettivo e non soggettivo, e il bisogno grave ed urgente di beni primari quali medicine, cibo, indumenti, indispensabili per il soggetto o per altri, non essendo sufficienti delle generiche esigenze di povertà o di indigenza.

(3) Si tratta del c.d spigolamento abusivo, che richiama ogni attività di raccolta di residue coltivazioni dai campi. Affinchè possa dirsi integrato il reato dunque è necessario che il raccolto sia già cominciato ma non ancora terminato, diversamente la raccolta che avvenga dopo tale termine non sarebbe penalmente rilevante in quanto avrebbe ad oggetto res derelictae.


Ratio Legis

Il legislatore ha voluto perseguire per via autonoma alcune forme di furto cosiddetto privilegiato, caratterizzate da una minore lesività, cui consegue dunque una particolare mitezza retributiva.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 36373/2013

La fattispecie di furto punibile a querela dell'offeso, prevista dall'art. 626, comma primo, n. 3, c.p. - che consiste nel fatto di spigolare, rastrellare o raspollare nei fondi altrui, non ancora spogliati interamente del raccolto - è configurabile quando siano state effettuate le operazioni di raccolta e ad esse siano sfuggiti residui suscettibili di apprensione da parte dell'avente diritto mediante ulteriore raccolta. Ne deriva che tale ipotesi non è, invece, configurabile quando le operazioni di raccolta non siano state compiute ed a maggior ragione quando il ciclo di raccolta dei frutti non sia neppure iniziato, sussistendo, in tal caso l'ipotesi di furto comune di cui all'art. 624 c.p..

Cass. n. 33307/2008

In tema di furto di tenue entità, non rientra nella nozione di "grave ed urgente bisogno" l'esigenza di disporre di energia elettrica per svolgere la propria attività commerciale senza attivare per tempo le procedure necessarie ad ottenerne regolare fornitura. (La Corte ha precisato che la nozione di "grave ed urgente bisogno" si riferisce a necessità elementari e fondamentali di vita, la cui mancata soddisfazione può esporre a pericolo il soggetto)

Cass. n. 1045/2007

La fattispecie incriminatrice del furto d'uso, come previsto dall'articolo 626, comma secondo, c.p., è inapplicabile se concorre taluna delle circostanze aggravanti indicate nei numeri 1, 2, 3 e 4 dell'art. 625 c.p., e tale condizione ostativa ricorre anche allorquando tali circostanze siano state valutate come equivalenti alle concesse attenuanti, giacché tale statuizione rileva solo quoad poenam.

Cass. n. 2075/2004

In tema di furto d'uso, la riconsegna (salve le ipotesi di caso fortuito o di forza maggiore) della cosa sottratta allo scopo di farne uso temporaneo e con intento di successiva restituzione immediata rimane, pur dopo la sentenza della Corte costituzionale n. 1089 del 1988, un elemento caratterizzante dell'attenuata fattispecie incriminatrice non tanto perché l'omessa restituzione si risolve nel recesso dall'originario proposito implicante — anche quando la cosa sia stata contestualmente abbandonata — quella forma di impossessamento che è propria del furto comune, ma soprattutto perché è proprio la riconsegna del bene che, combinandosi con il profilo soggettivo, caratterizzato dal proposito di restituzione, l'elemento che riduce, anche sotto il profilo oggettivo, la gravità dell'illecito.

Cass. n. 10515/1999

Il furto d'uso (art. 626 c.p.), ipotesi attenuata del reato di furto dal quale non si differenzia per la condotta di sottrazione o impossessamento e per la natura e tipologia delle cose apprensibili, può avere per oggetto qualsiasi cosa mobile suscettibile di valutazione patrimoniale, e, quindi, qualsiasi documento, sia per il suo valore cartaceo, purché economicamente apprezzabile, sia per il bene giuridico in esso rappresentato. È pertanto pienamente configurabile il furto d'uso nella deductio de loco in locum di disegni di macchine industriali al fine di estrarne copia e poi restituirli, disegni che rappresentano per il dominus una evidente utilità patrimoniale ed economica.

Cass. n. 9090/1990

Per la configurabilità del furto d'uso occorrono due elementi essenziali: il primo caratterizzato dal fine esclusivo di fare uso momentaneo della res sottratta; l'altro ha carattere oggettivo e concerne la restituzione che, dopo l'uso, deve essere effettuata. Tale restituzione deve essere volontaria, e cioè deve presentarsi come libera attuazione dell'iniziale intenzione di restituire. Tutte le cause, pertanto, che determinano una coazione alla restituzione, rendono applicabile il titolo comune di furto, e così pure tutte le cause, anche indipendenti dalla volontà del colpevole, che impediscono la restituzione.

Cass. n. 3104/1990

Elemento costitutivo del delitto di furto d'uso, previsto dall'art. 626, comma primo, n. 1, c.p., è la restituzione immediata dopo l'uso (cui va equiparata la mancata restituzione dovuta a caso fortuito o a forza maggiore) della cosa al suo possessore da parte dell'autore della sottrazione. La restituzione, se non implica la materiale consegna della refurtiva al derubato, esige peraltro la reintegrazione di tale soggetto nel possesso della cosa (con riferimento al caso di specie la cassazione ha precisato che la reintegrazione non può consistere nell'abbandono della cosa — anche quando si tratti di autovettura — in luogo prossimo ad una caserma dei carabinieri, posto che una tale condotta è idonea soltanto a rendere meno aleatorio il recupero della cosa, ma non rimette questa nella disponibilità del possessore).

Cass. n. 5631/1983

Non è configurabile il tentativo in ordine al furto d'uso. Invero, tale minore incriminazione del delitto di furto richiede, quanto all'elemento oggettivo, l'avvenuta restituzione, e questa a sua volta presuppone l'avvenuto impossessamento della cosa sottratta e il susseguente uso, sia pure momentaneo, della cosa stessa. Né alla restituzione può essere equiparata la semplice intenzione di restituire. Da ciò consegue l'inammissibilità del tentativo, che presuppone il non avvenuto impossessamento. Il furto d'uso non è configurabile quando ricorre una delle aggravanti previste nei primi quattro numeri dell'art. 625 c.p.

Cass. n. 2945/1983

Il furto compiuto dal cleptomane non può considerarsi commesso per provvedere ad un grave e urgente bisogno, ai sensi dell'art. 626 n. 2 c.p.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

Furtum est contrectatio. La definizione romana del furto e la sua elaborazione moderna

Editore: CEDAM
Collana: Univ. Pavia-Studi sc. giuridiche sociali
Pagine: 476
Data di pubblicazione: dicembre 2012
Prezzo: 45,00 -10% 40,50 €
Categorie: Furto, Diritto romano
Il delitto di furto

Editore: CEDAM
Collana: Il diritto applicato
Data di pubblicazione: aprile 2010
Prezzo: 29,00 -10% 26,10 €
Categorie: Furto

Questo volume esamina la disciplina del delitto di furto nelle sue varie forme di manifestazione, alla luce dell'evoluzione normativa che l'ha caratterizzata, dell'interpretazione giurisprudenziale e dottrinale, delle prospettive di riforma, dei più recenti progetti di legge in materia, nonché dell'analisi comparatistica, attraverso un confronto con la disciplina prevista, in particolare, nei Paesi europei e negli Stati Uniti. Il testo è corredato di ampi stralci delle... (continua)


→ Altri libri su Furti punibili a querela dell'offeso ←