Art. precedente Art. successivo

Articolo 135

Codice Penale

Ragguaglio fra pene pecuniarie e pene detentive

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 135 Codice Penale

Quando, per qualsiasi effetto giuridico, si deve eseguire un ragguaglio fra pene pecuniarie e pene detentive, il computo ha luogo calcolando euro 250, o frazione di euro 250 (1), di pena pecuniaria per un giorno di pena detentiva (2).

Note

(1) La legge 15 luglio 2009, n. 94 (art 32, comma 62), ha sostituito le parole “calcolando euro 38, o frazione di euro 38”, con la nuova dicitura " calcolando euro 250, o frazione di euro 250".

(2) La norma in esame deve ritenersi relativa sia alle ipotesi di sostituzione della pena detentiva breve con pena pecuniaria, sia ai casi di sottrazione, dall'ammontare della pena pecuniaria in concreto irrogata, della custodia cautelare sofferta, che agli istituti della sospensione condizionale della pena.


Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

La funzione della pena in prospettiva storica e attuale

Editore: Giuffrè
Collana: Univ. Brescia-Dipartimento giurisprudenza
Data di pubblicazione: settembre 2013
Prezzo: 21,00 -10% 18,90 €
Il perdono responsabile. Perché il carcere non serve a nulla

Collana: Saggi
Pagine: 136
Data di pubblicazione: gennaio 2013
Prezzo: 9,90 -10% 8,91 €

La gran parte dei condannati a pene carcerarie torna a delinquere; la maggior parte di essi non viene riabilitata, come prescrive la Costituzione, ma semplicemente repressa, e privata di elementari diritti sanciti dalla nostra carta fondamentale - come ne vengono privati i loro cari; la condizione carceraria, per il sovraffollamento, la violenza fisica e psicologica, è di una durezza inconcepibile per chi non la viva, e questa durezza incoraggia tutt'altre tendenze che il desiderio... (continua)

Legalizzare la tortura?
Ascesa e declino dello Stato di diritto

Editore: Il Mulino
Collana: Saggi
Pagine: 190
Data di pubblicazione: gennaio 2013
Prezzo: 19,00 -10% 17,10 €

Guantánamo, Abu Ghraib, Bagram: sono nomi sinistri, che evocano scenari di umiliazioni, vessazioni e sevizie usate nei confronti di detenuti. Sull'onda di queste e altre analoghe vicende venute alla luce negli ultimi dieci anni, si è acceso un dibattito che risulta sorprendente per ampiezza e vigore, ma anche scandaloso per la domanda intorno alla quale ruota: è legittima e auspicabile la legalizzazione della tortura? Una questione scabrosa, che gli autori affrontano... (continua)

Il lavoro di pubblica utilità

Editore: Giuffrè
Collana: Officina. Penale e processo
Pagine: 78
Data di pubblicazione: settembre 2013
Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €