Art. precedente Art. successivo

Articolo 109

Codice Penale

Effetti della dichiarazione di abitualità, professionalità o tendenza a delinquere

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 109 Codice Penale

Oltre agli aumenti di pena stabiliti per la recidiva e i particolari effetti indicati da altre disposizioni di legge, la dichiarazione di abitualità o di professionalità nel reato o di tendenza a delinquere importa l'applicazione di misure di sicurezza [216, 226, 230] (1).
La dichiarazione di abitualità o di professionalità nel reato può essere pronunciata in ogni tempo, anche dopo la esecuzione della pena [205]; ma se è pronunciata dopo la sentenza di condanna [c.p.p. 533], non si tiene conto della successiva condotta del colpevole e rimane ferma la pena inflitta.
La dichiarazione di tendenza a delinquere non può essere pronunciata che con la sentenza di condanna (2).
La dichiarazione di abitualità e professionalità nel reato e quella di tendenza a delinquere si estinguono per effetto della riabilitazione [178-181; c.p.p. 683].

Note

(1) Dalle dichiarazioni di abitualità, professionalità e tendenza a delinquere discende l'applicazione di misure di sicurezza, le quali devono essere accertate e dichiarate espressamente dal giudice. A ciò si aggiunga che la dichiarazione di delinquenza qualificata comporta inoltre l'interdizione perpetua da pubblici uffici (art. 28), l'inapplicabilità dell'amnistia e dell'indulto, il divieto di sospensione condizionale della pena (art. 164), l'esclusione della prescrizione della pena per i delitti e il raddoppio di tale termine per le contravvenzioni (art. 172-173), nonchè del termine per la riabilitazione (art. 179), ma anche l'inapplicabilità dell'attenuante dell'art. 62 del c.p., n. 3 e il divieto di ricovero in un ospedale civile in caso di infermità psichica sopravvenuta al condannato (art. 148).
Quando si tratta di contravvenzioni poi si verifica il divieto della sospensione condizionale della pena (art. 164) e l'inapplicabilità dell'attenuante di cui all'art. 62 del c.p. n. 3.

(2) La dichiarazione di tendenza a delinquere può essere revocata dal magistrato di sorveglianza, ai sensi dell'art. 21, l. 10 ottobre 1986, n. 663.


Ratio Legis

La norma stabilisce con chiarezza quali sono gli effetti aggravanti che discendono dalle dichiarazioni di abitualità, professionalità e tendenza a delinquere, giustificati dalla pericolosità insita in tali istituti.

Brocardi collegati a questo articolo

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 2851/1989

Anche quando l'abitualità nel reato è presunta dalla legge, non è consentito il permanere di uno status di delinquenza qualificata in caso di insussistenza di un'attuale concreta pericolosità sociale. Ne consegue pertanto, qualora ricorra un caso di abitualità presunta dalla legge, la necessità della sospensione dell'esecuzione formale del titolo, che spetta alla competenza del pubblico ministero o del pretore, in attesa della decisione sull'attuale concreta pericolosità sociale da parte del magistrato di sorveglianza, il cui intervento può essere sollecitato anche di ufficio.

Cass. n. 1683/1989

Dopo l'entrata in vigore della L. 10 ottobre 1986 n. 663, recante modifiche all'ordinamento penitenziario, la declaratoria di abitualità nel delitto presunta dalla legge e che non ha natura costitutiva, ma semplicemente ricognitiva di uno status già esistente nel momento in cui erano maturate le condizioni previste dall'art. 102 c.p. — non è consentito ove non sussista una attuale e concreta pericolosità sociale.

Cass. n. 3185/1984

La dichiarazione di abitualità a delinquere è giuridicamente autonoma dalla misura di sicurezza. Essa non è soggetta a revoca, bensì ad estinzione (per effetto della riabilitazione) a norma dell'art. 109 c.p., mentre revocabile (artt. 206, 207 c.p.) è la misura di sicurezza, che deve essere applicata in conseguenza della dichiarazione (art. 109, primo comma c.p.) o che può essere autonomamente disposta dal giudice (art. 202 c.p.) in base alla pericolosità sociale dimostrata a seguito della commissione di un fatto preveduto dalla legge come reato (art. 203 c.p.). (Nella specie il difensore dell'imputato aveva erroneamente affermato che la dichiarazione di abitualità era stata revocata).

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

La querela. Tra azione pubblica e privata

Collana: Biblioteca di diritto processuale
Pagine: 236
Data di pubblicazione: aprile 2012
Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €
Categorie: Persona offesa

Il processo penale come progressione di situazioni soggettive protette offre a chi voglia speculare su tali situazioni indirizzo di metodo prima che di contenuto. Perciò rilevare, con criterio sistematico, la natura delle relazioni che intercorrono tra esse è analisi di valore che mira all'efficacia della rilevanza giuridica riconosciuta loro durante il procedere degli atti del (e per il) giudizio. Se poi la situazione è rappresentata dal diritto di querela si scorge... (continua)

Commentario sistematico del codice penale
Art. 85-149

Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: gennaio 2012
Prezzo: 44,00 -10% 39,60 €