Art. precedente Art. successivo

Articolo 509

Codice di Procedura Penale

Sospensione del dibattimento per esigenze istruttorie

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 509 Codice di Procedura Penale

1. Nei casi previsti dagli articoli 495 comma 4, 506 e 507 il giudice, qualora non sia possibile provvedere nella medesima udienza, sospende il dibattimento[477 2, 304 1 lett. a] per il tempo strettamente necessario, fissando la data della nuova udienza (1).

Note

(1) La norma, di portata generale, coniuga la necessitÓ di svolgere ulteriori accertamenti con quella di assicurare la concentrazione del dibattimento. La sospensione e il conseguente rinvio vengono disposti, se non evitabili, per il tempo strettamente necessario, con ordinanza motivata adottata dal giudice (quindi, dal collegio). La norma richiama espressamente le ipotesi di cui agli artt. 495 4 (nuove determinazioni circa le prove), 506 (indicazione alle parti di nuovi temi di prova) e 507 (disposizione di nuove acquisizioni probatorie), ma un'applicazione specifica Ŕ quella giÓ vista nell'art. 508.


risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)