Art. precedente Art. successivo

Articolo 492

Codice di Procedura Penale

Dichiarazione di apertura del dibattimento

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 492 Codice di Procedura Penale

1. Compiute le attività indicate negli articoli 484 e seguenti (1), il presidente dichiara aperto il dibattimento.
2. L'ausiliario [126] che assiste il giudice dà lettura dell'imputazione.

Note

(1) Vengono qui richiamate le norme da rispettare per una valida costituzione delle parti in giudizio.


Ratio Legis

Tale disposizione segna l'inizio della fase dibattimentale.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 10107/1998

La mancata lettura dell'imputazione da parte dell'ausiliario che assiste il giudice, dopo la dichiarazione di apertura del dibattimento, non dà luogo ad alcuna nullità, in forza del principio di tassatività delle nullità e tenuto conto che detta violazione non può ricondursi nella categoria delle nullità di ordine generale previste dall'art. 178, lett. c) c.p.p., posto che essa non riguarda l'intervento, l'assistenza e la rappresentanza dell'imputato e che l'esigenza della contestazione è soddisfatta dalla notificazione del decreto che dispone il giudizio, corrispondente all'atto cui la legge processuale demanda la funzione della editio actionis, e non dalla lettura in udienza dell'imputazione.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)