Art. precedente Art. successivo

Articolo 488

Codice di Procedura Penale

Assenza e allontanamento volontario dell'imputato

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 488 Codice di Procedura Penale

(1) [1. Le disposizioni degli articoli 486 e 487 non si applicano quando l'imputato, anche se impedito, chiede o consente che il dibattimento avvenga in sua assenza o, se detenuto, rifiuta di assistervi. L'imputato in tali casi è rappresentato dal difensore.
2. L'imputato che, dopo essere comparso, si allontana dall'aula di udienza è considerato presente ed è rappresentato dal difensore.
3. Le disposizioni del comma 2 si applicano anche quando l'imputato detenuto evade in qualsiasi momento del dibattimento ovvero durante gli intervalli di esso.]

Note

(1) Tale articolo è stato abrogato dall'art 39, comma 2, della l. 16 dicembre 1999, n. 479.


Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 48525/2003

La disposizione di cui all'art. 488, comma secondo, c.p.p. considera fittiziamente presente l'imputato precedentemente comparso e poi allontanandosi nell'ambito dello stesso dibattimento, senza fare distinzione tra i casi in cui il dibattimento si svolge in unica udienza e quelli in cui si svolge in pi˙ udienze, e tra i casi in cui il dibattimento Ŕ stato rinviato in udienza e quelli in cui Ŕ stato rinviato (o anticipato) con provvedimento fuori udienza: il presupposto logico della norma, infatti, Ŕ la identitÓ del dibattimento, nel corso del quale l'imputato prima compare e poi si assenta.

Cass. n. 744/2000

La rinuncia a comparire all'udienza da parte del detenuto produce i suoi effetti non solo per l'udienza in relazione alla quale essa Ŕ formulata, ma anche per quelle successive, fissate a seguito di rinvio a udienza fissa, fino a quando questi non manifesti la volontÓ di essere tradotto. A tutti gli effetti l'imputato che rinuncia a comparire Ŕ legittimamente considerato assente e, come tale, rappresentato dal difensore e non gli Ŕ dovuta la notifica dell'ordinanaza di sospensione dei termini di custodia cautelare per la particolare complessitÓ del procedimento.

Cass. n. 11654/1998

La disposizione di cui all'art. 488, comma secondo, c.p.p. considera fittiziamente presente l'imputato precedentemente comparso e poi allontanatosi nell'ambito dello stesso dibattimento, senza fare distinzione tra i casi in cui il dibattimento si svolge in unica udienza e quelli in cui si svolge in pi¨ udienze, e tra i casi in cui il dibattimento Ŕ stato rinviato in udienza e quelli in cui Ŕ stato rinviato (o anticipato) con provvedimento fuori udienza: il presupposto logico della norma, infatti, Ŕ la identitÓ del dibattimento, nel corso del quale l'imputato prima compare e poi si assenta. Il dibattimento resta pur sempre il medesimo sia dopo il rinvio disposto in udienza, sia dopo il differimento disposto ex art. 465 c.p.p., cambiando soltanto in modo di darne comunicazione alle parti.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)