Art. precedente Art. successivo

Articolo 178

Codice di Procedura Penale

NullitÓ di ordine generale

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 178 Codice di Procedura Penale

1. È sempre prescritta a pena di nullità l'osservanza delle disposizioni concernenti:
a) le condizioni di capacità del giudice [33] e il numero dei giudici necessario per costituire i collegi stabilito dalle leggi di ordinamento giudiziario (1);
b) l'iniziativa del pubblico ministero nell'esercizio dell'azione penale e la sua partecipazione al procedimento;
c) l'intervento, l'assistenza e la rappresentanza dell'imputato e delle altre parti private nonché la citazione in giudizio della persona offesa dal reato e del querelante (2).

Note

(1) Il riferimento è alla mancanza di requisiti occorrenti per l'esercizio delle funzioni giurisdizionali, non quindi al difetto presente in capo al giudice e relativo alle condizioni specifiche per l'esercizio di tali funzioni in un determinato procedimento (ad es. le disposizioni tabellari sulla ripartizione interna degli affari giurisdizionali).

(2) L'espressione "imputato" è comprensiva della persona sottoposta alle indagini e xart, 61, comma primo.


Ratio Legis

La previsione di nullità di ordine generale si ispira a ragioni di economia normativa, nonchè al tentativo di colmare eventuali dimenticanze che, a fronte del sistema chiuso delle nullità, finirebbero per essere considerate solo mere irregolarità.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)