Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 383 Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n.477)

Facoltà di arresto da parte dei privati

Dispositivo dell'art. 383 Codice di procedura penale

1. Nei casi previsti dall'articolo 380 ogni persona (1) è autorizzata a procedere all'arresto in flagranza, quando si tratta di delitti perseguibili di ufficio.
2. La persona che ha eseguito l'arresto deve senza ritardo consegnare l'arrestato e le cose costituenti il corpo del reato [253 2] alla polizia giudiziaria la quale redige il verbale [357] della consegna e ne rilascia copia.

Note

(1) Si tratta di qualsiasi persona, non essendo infatti tale arresto limitato alla persona offesa.

Ratio Legis

Tale disposizione trova la propria ratio in un'ottica di coscienza sociale.

Massime relative all'art. 383 Codice di procedura penale

Cass. n. 10958/2005

L'arresto in flagranza di reato da parte del privato, nei casi consentiti dalla legge ex art. 383 c.p.p., si risolve nell'esercizio di fatto dei poteri anche coattivi e nell'esplicazione delle attività procedimentali propri degli organi di polizia giudiziaria normalmente destinati a esercitare tale potere. Quando invece il privato si limita ad invitare il presunto reo ad attendere l'arrivo dell'organo di polizia giudiziaria, nel frattempo avvertito, non si versa nella fattispecie di cui all'art. 383 cit., ma è semplice denuncia, consentita a ciascun cittadino in qualsiasi situazione di violazione della legge penale.

Cass. n. 4751/2000

L'arresto in flagranza di reato da parte del privato, nei casi consentiti dalla legge ex art. 383 c.p.p., si risolve nell'esercizio di fatto dei poteri anche coattivi e nell'esplicazione delle attività procedimentali propri dell'organo di polizia giudiziaria normalmente destinato ad esercitare tale potere. Quando invece il privato si limita ad invitare il presunto reo ad attendere l'arrivo dell'organo di polizia giudiziaria, nel frattempo avvertito, non si versa nella fattispecie di cui all'art. 383 cit., ma in semplice comportamento di denuncia consentito a ciascun cittadino in qualsiasi situazione di violazione di legge penale. (Fattispecie in cui dal testo del provvedimento impugnato risultava che il proprietario di un negozio si era limitato ad invitare il presunto ladro a fermarsi e attendere l'arrivo della polizia, senza esplicare alcuna forma di coazione; la Corte ha osservato che l'arresto in flagranza da parte del privato richiede un comportamento concludente che esprima l'intento di eseguire l'arresto, quale l'accompagnamento coattivo del soggetto presso un ufficio di polizia, ovvero l'apprensione mediante esercizio della coazione previa dichiarazione dell'intento di eseguire l'arresto).

Cass. n. 9464/1995

In tema di esercizio di un diritto, di cui all'art. 51 c.p., nella nozione di diritto scriminante rientra ogni potere giuridico di agire, quale che sia la relativa denominazione adottata; così nella facoltà d'arresto da parte dei privati, di cui all'art. 242 c.p.p. 1930 (ripetuto nell'art. 383 del codice vigente), in cui più che un vero e proprio diritto soggettivo, deve considerarsi sussistente un diritto potestativo, poiché la legge attribuisce l'esercizio di una potestas ordinariamente riservata agli organi dello Stato, al privato, il quale può espletarlo con i limiti propri assegnati all'analogo potere statuale. Pertanto, con il potere di arresto è connesso il potere-dovere di inseguimento dell'arrestando datosi alla fuga, e, nel concreto svolgimento dell'inseguimento, operato in flagranza, non possono applicarsi le rigorose norme del codice della strada, ma soltanto i canoni della prudenza e della diligenza secondo il criterio della culpa lata: diversamente opinando, si finirebbe col riconoscere al fuggitivo una sostanziale impunità, poiché è evidente che quest'ultimo durante la fuga non osserva le norme del codice della strada. (Nella specie la S.C. ha ritenuto che nella condotta dell'imputato i giudici di merito correttamente avevano escluso l'esistenza degli estremi della colpa sotto il profilo della violazione delle norme della circolazione attinenti alla velocità ed alla mano da tenere).

Cass. n. 1603/1993

La ratio del secondo comma dell'art. 383 c.p.p., che prevede la facoltà di arresto da parte dei privati, è che questi consegnino l'arrestato alla polizia giudiziaria senza ritardo, e cioè nel più breve tempo possibile, in modo da evitare che una misura eccezionale si trasformi in un sequestro di persona dell'arrestato. Determinante ai fini della legittimità dell'arresto è la circostanza che la persona arrestata non sia trattenuta dai privati, intervenuti nell'operazione, oltre il tempo strettamente necessario per l'esecuzione della consegna agli organi di polizia. (La Suprema Corte ha annullato l'ordinanza con la quale il pretore non aveva convalidato l'arresto, assumendo che il triplice «passaggio di mano» dell'imputato faceva dubitare della flagranza).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

Testi per approfondire questo articolo

  • La riforma delle misure cautelari personali

    Editore: Giappichelli
    Collana: Procedura penale. Commenti
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 44,00 -10% 39,60 €

    "Per quasi un quarto di secolo assuefatti alla legislazione di emergenza di matrice securitaria, gli interpreti registrano l' avvento di una novella che, per forma e contenuti, rappresenta un elemento di rottura con la recente tradizione. La legge 16 aprile 2015, n. 47, nasce da una proposta di iniziativa parlamentare ed è indirizzata nel senso di un contenimento del potere cautelare a tutela dei diritti dell'imputato: sembra dunque avere l'ambizione di porsi come 'la riforma' delle... (continua)

  • L'arcipelago delle confische. Spunti per una sistematica delle misure patrimoniali

    Collana: Quad. periodici Unione Camere Penali
    Pagine: 173
    Data di pubblicazione: gennaio 2017
    Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €
    Il volume raduna una serie di contributi inerenti alla macro area - di particolare attualità - delle misure patrimoniali, attraverso-la selezione di temi problematici, in un tracciato che assembla elaborazioni scientifiche, approdi giurisprudenziali e indicazioni di diritto internazionale. Gli avvocati dell'Osservatorio sulle Misure Patrimoniali dell'Unione Camere Penali Italiane si sono posti l'ambizioso obiettivo di evidenziare l'asistematicità che connota una materia in... (continua)
  • Misure cautelari ad personam in un triennio di riforme

    Collana: Leggi penali tra regole e prassi
    Pagine: 248
    Data di pubblicazione: febbraio 2015
    Prezzo: 28,00 -10% 25,20 €

    Da molti anni, e da più parti, si sottolinea il problema, ormai di entità non più tollerabile, del sovraffollamento carcerario la cui soluzione richiede interventi strutturali rispetto ai ciclici provvedimenti di clemenza. È un dato dì fatto che alla causazione del fenomeno contribuisca in maniera certamente non indifferente anche l'uso smodato della custodia cautelare. A venticinque anni dalla entrata in vigore del nuovo codice di procedura penale, in... (continua)

  • Misure patrimoniali nel sistema penale. Effettività e garanzie

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: settembre 2016
    Prezzo: 22,00 -10% 19,80 €
  • Il rinnovamento delle misure cautelari

    Collana: Leggi penali tra regole e prassi
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 26,00 -10% 23,40 €

    La riforma del sistema delle cautele, realizzata con la legge 16 aprile 2015, n. 47, si inserisce nel quadro generale di frammentarietà patologica che ha caratterizzato gli ultimi, e non sempre razionali, interventi legislativi in materia. Le ragioni ispiratrici della legge sono molteplici e condivisibili. Sulla spinta di obblighi derivanti dalle censure europee e dai moniti della Corte costituzionale, essa mira al decongestionamento penitenziario. Al contempo, emerge l'intento di... (continua)