Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   PRIVACY

Articolo 381

Codice di Procedura Penale

Arresto facoltativo in flagranza

Dispositivo dell'art. 381 Codice di Procedura Penale

1. Gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria hanno facoltà di arrestare chiunque è colto in flagranza di un delitto non colposo, consumato o tentato, per il quale la legge stabilisce la pena della reclusione superiore nel massimo a tre anni ovvero di un delitto colposo [c.p. 43] per il quale la legge stabilisce la pena della reclusione non inferiore nel massimo a cinque anni.
2. Gli ufficiali e gli agenti di polizia giudiziaria hanno altresì facoltà di arrestare chiunque è colto in flagranza di uno dei seguenti delitti (1):
a) peculato mediante profitto dell'errore altrui previsto dall'articolo 316 del codice penale;
b) corruzione per un atto contrario ai doveri d'ufficio prevista dagli articoli 319 comma 4 (2) e 321 del codice penale;
c) violenza o minaccia a un pubblico ufficiale prevista dall'articolo 336 comma 2 del codice penale (3);
d) commercio e somministrazione di medicinali guasti e di sostanze alimentari nocive previsti dagli articoli 443 e 444 del codice penale;
e) corruzione di minorenni prevista dall'articolo 530 del codice penale;
f) lesione personale prevista dall'articolo 582 del codice penale;
f-bis) violazione di domicilio prevista dall’art. 614, primo e secondo comma, del codice penale (1);
g) furto previsto dall'articolo 624 del codice penale;
h) danneggiamento aggravato a norma dell'articolo 635 comma 2 del codice penale;
i) truffa prevista dall'articolo 640 del codice penale;
l) appropriazione indebita prevista dall'articolo 646 del codice penale;
l-bis) offerta, cessione o detenzione di materiale pornografico previste dagli articoli 600-ter, quarto comma, e 600-quater del codice penale, anche se relative al materiale pornografico di cui all'articolo 600-quater.1 del medesimo codice (2);
m) alterazione di armi e fabbricazione di esplosivi non riconosciuti previste dagli articoli 3 e 24 comma 1 della legge 18 aprile 1975 n. 110;
m-bis) fabbricazione, detenzione o uso di documento di identificazione falso previsti dall'articolo 497-bis del codice penale (3);
m-ter) falsa attestazione o dichiarazione a un pubblico ufficiale sulla identita' o su qualita' personali proprie o di altri, prevista dall'articolo 495 del codice penale (4);
m-quater) fraudolente alterazioni per impedire l'identificazione o l'accertamento di qualita' personali, previste dall'articolo 495 ter del codice penale (4).
3. Se si tratta di delitto perseguibile a querela [336-340], l'arresto in flagranza può essere eseguito se la querela viene proposta, anche con dichiarazione resa oralmente all'ufficiale o all'agente di polizia giudiziaria presente nel luogo. Se l'avente diritto dichiara di rimettere la querela, l'arrestato è posto immediatamente in libertà.
4. Nelle ipotesi previste dal presente articolo si procede all'arresto in flagranza soltanto se la misura è giustificata dalla gravità del fatto ovvero dalla pericolosità del soggetto desunta dalla sua personalità [c.p. 133] o dalle circostanze del fatto.
4 bis. Non è consentito l'arresto della persona richiesta di fornire informazioni dalla polizia giudiziaria o dal pubblico ministero per reati concernenti il contenuto delle informazioni o il rifiuto di fornirle.

Note

(1) Il riferimento alla violazione di domicilio di cui all'art. 614 è stata inserita dall’art. 3, comma 25, lett. b), della l. 15 luglio 2009, n. 94.

(2) L’art. 12, comma 2, della L. 6 febbraio 2006, n. 38 ha inserito tale lettera al fine di considerare quale ipotesi di arresto facoltativo i delitti che concerno materiale pornografico.

(3) I delitti di cui all'art. 497 bis rilevano in tale sede per rinvio operato dall’art. 13,comma 2, del D.L. 27 luglio 2005, n. 144, convertito nella l. 31 luglio 2005, n. 155.

(4) Tale lettera è stata introdotta dall’art. 2, comma 1, lett. b-bis), del D.L. 23 maggio 2008, n. 92, convertito con modificazioni nella L. 24 luglio 2008, n. 125

Ratio Legis

L'arresto è da considerarsi obbligatorio o facoltativo sulla base sia della pena edittale sia in considerazione di quanto disposto in relazione a determinate figure criminose.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 8708/2012

Il giudice della convalida del fermo (o dell'arresto in flagranza) deve prendere in esame gli elementi di fatto esistenti al momento in cui il provvedimento di cautela è stato adottato e non può tener conto dei fatti emersi successivamente.

Cass. sez. un. n. 17386/2011

Ai fini della verifica dei limiti edittali stabiliti per l'arresto in flagranza, e, più in generale, della determinazione della pena agli effetti dell'applicazione delle misure cautelari, non si deve tener conto della recidiva reiterata.

Cass. n. 34151/2007

Nel delitto di violazione di sigilli aggravata, lo stato di flagranza non deve essere valutato dal giudice della convalida al momento della materiale rottura dei sigilli, ma a quello in cui l'indagato, introducendosi nell'immobile abusivo e facendone uso, ha violato il vincolo di indisponibilità mediante l'arbitraria disposizione «in atto» al momento dell'intervento della polizia giudiziaria.

Cass. n. 28540/2004

L'art. 381 c.p.p. richiede ai fini dell'arresto facoltativo in flagranza di reato la presenza disgiunta della gravità del fatto o della pericolosità del soggetto, per cui anche quando solo la motivazione su una di queste condizioni sia ritenuta corretta, la convalida deve essere ritenuta legittima. (Fattispecie in cui la Corte ha ritenuto legittima la motivazione sulla gravità del fatto, per il reato di cui all'art. 166 c.p.m.p., nel comportamento di un militare al quale era stato ingiunto di consegnare l'arma in dotazione, in costanza di aspettativa per motivi elettorali, e non vi aveva ottemperato, mentre aveva ritenuto privo di motivazione il giudizio di pericolosità basato su informative non documentate).

Cass. n. 24147/2004

In tema di disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e di norme sulla condizione dello straniero, non rientra nei poteri del giudice, investito della richiesta di convalida dell'arresto in flagranza in ordine al reato di cui all'art. 14, comma quinto ter, D.L.vo n. 286 del 1998 (permanenza in Italia senza giustificato motivo in violazione dell'ordine del Questore di lasciarne entro cinque giorni il territorio), la disapplicazione dell'atto amministrativo contenente una motivazione sommaria, il cui controllo è riservato al giudice della cognizione, spettando piuttosto al giudice della convalida la valutazione della sussistenza degli elementi che hanno determinato l'adozione del provvedimento e, dunque, delle condizioni legittimanti la privazione della libertà personale, tra cui la configurabilità (non solo astratta) del reato legittimante l'arresto, con giudizio ex ante. (Fattispecie in cui la Corte ha annullato l'ordinanza del Tribunale in composizione monocratica che aveva respinto la richiesta di convalida dell'arresto di un cittadino straniero, indagato per la contravvenzione di cui all'art. 14, comma quinto ter, D.L.vo n. 286 del 1998, sul presupposto della mera apparenza della motivazione dell'ordine di lasciare il territorio dello Stato entro cinque giorni, emesso dal Questore in esecuzione del provvedimento di espulsione del Prefetto, e del mancato trattenimento presso un centro di permanenza).

Cass. n. 49124/2003

In sede di convalida dell'arresto il giudice deve verificare, sia pure secondo il parametro del fumus commissi delicti la configurabilità del reato per il quale l'arresto è stato eseguito e la sua riferibilità alla persona arrestata, avuto riguardo alle circostanze del caso concreto ed all'eventuale ricorrenza di cause di giustificazione, idonee ad escludere l'illiceità penale del fatto contestato. (Fattispecie relativa al reato di resistenza a pubblico ufficiale, condotta qualificata dal giudice come reazione legittima ad atto arbitrario del pubblico ufficiale — consistente nella pretesa di questi di condurre negli uffici di polizia persona pur correttamente identificata — con conseguente diniego di convalida dell'eseguito arresto in flagranza).

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

  • La difesa nel procedimento cautelare personale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: ottobre 2012
    Prezzo: 65,00 -10% 58,50 €

    L'opera offre al lettore un inquadramento teorico e pratico del procedimento cautelare personale, focalizzandosi sul ruolo della difesa. Si ripercorrono i presupposti normativi che governano casi e modi di restrizione della libertà personale, la cui tutela rappresenta un punto nevralgico non solo del procedimento penale, ma dell'intero ordinamento giuridico dello Stato. Vengono analizzati in modo completo e dettagliato i principali orientamenti dottrinali e giurisprudenziali, con... (continua)

  • Il «contrasto» all'illegalità economica. Confisca e sequestro per equivalente

    Editore: CEDAM
    Collana: Problemi attuali della giustizia penale
    Pagine: 510
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 46,00 -10% 41,40 €

    Sotto il profilo quantitativo e qualitativo le misure per equivalente rappresentano lo strumento di maggior vigore nel contrasto alla ricchezza illecita. Infatti, l’intrinseca duttilità che possiede l’istituto della confisca di valore e la polivalenza del sequestro ad essa preordinato, rendono tali misure particolarmente adatte al raggiungimento degli scopi che il legislatore -anche sulla scia di input europeistici e pattizi - ha loro affidato. L’irruzione... (continua)

  • Codice delle misure cautelari penali

    Editore: neldiritto.it
    Collana: I codici del professionista
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 80,00 -10% 72,00 €

    L'opera, dopo aver illustrato la disciplina delle misure cautelari (personali e reali) del processo penale alla luce della dottrina e della giurisprudenza di legittimità e di merito più recenti, propone i modelli di atto che gli avvocati dovranno utilizzare. Le numerose avvertenze che corredano le formule consentono la corretta predisposizione dell'atto, nel rispetto delle regole dettate dal codice di rito, tenendo conto degli effetti delle varie riforme che hanno novellato... (continua)

  • La domanda cautelare nel sistema delle cautele personali

    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €

    Materia di questo libro è la domanda cautelare, ossia l’atto con cui il pubblico ministero introduce la questione incidentale de libertate. L’interesse per l’argomento consegue alla sempre più marcata centralità della vicenda cautelare, che a sua volta si alimenta della eccessiva durata del processo: la prontezza dell’intervento coercitivo e la corrispondenza fattuale tra custodia cautelare e pena detentiva sono alla base della – spesso... (continua)

  • Il riesame delle misure cautelari personali

    Editore: Ipsoa
    Collana: Diritto e processo penale oggi
    Pagine: 256
    Data di pubblicazione: marzo 2012
    Prezzo: 29,00 -10% 26,10 €

    Il volume offre una visione pratica dell'azione impugnatoria esperibile attraverso il riesame.

    Nel contempo, vengono illustrate le modalità di funzionamento e di disciplina del procedimento di controllo, anche alla luce dell'evoluzione normativa e giurisprudenziale, mettendo in luce tutte le potenzialità di tutela per la posizione dell'imputato o indagato che l'istituto possiede, se adeguatamente utilizzato dal tecnico difensore.

    Oltre che all'analisi dei... (continua)