Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 698 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n.1443)

Assunzione ed efficacia delle prove preventive

Dispositivo dell'art. 698 Codice di procedura civile

Nell'assunzione preventiva dei mezzi di prova si applicano, in quanto possibile, gli articoli 191 e seguenti (1).
L'assunzione preventiva dei mezzi di prova non pregiudica le questioni relative alla loro ammissibilità e rilevanza, né impedisce la loro rinnovazione (2) nel giudizio di merito.
I processi verbali delle prove non possono essere prodotti, né richiamati, né riprodotti in copia nel giudizio di merito, prima che i mezzi di prova siano stati dichiarati ammissibili nel giudizio stesso (3).

Note

(1) La norma richiama espressamente le disposizioni dettate per l'istruzione probatoria, in quanto compatibili visto il carattere speciale del procedimento in esame. Tuttavia, il giudice non ha il potere di ridurre le liste testimoniali sovrabbondanti o sentire i testimoni indicati dalla controparte, mentre può risolvere le contestazioni e gli incidenti eventualmente insorti, e disporre il confronto tra testimoni che abbiano reso deposizioni divergenti.
(2) Tale comma indica l'autonomia del procedimento di istruzione preventiva rispetto al successivo giudizio di merito, per cui la prova preventivamente assunta non si inserisce automaticamente in quest'ultimo. Sarà il giudice di merito a dover valutare l'ammissibilità e la rilevanza delle prove assunte preventivamente, subordinando il loro impiego all'esito positivo di tale valutazione.
(3) L'ultimo comma rappresenta il logico corollario del precedente comma.

Massime relative all'art. 698 Codice di procedura civile

Cass. n. 23693/2009

L'acquisizione della relazione di accertamento tecnico preventivo tra le fonti che il giudice di merito utilizza per l'accertamento dei fatti di causa non deve necessariamente avvenire a mezzo di un provvedimento formale, bastando anche la sua materiale acquisizione, ed essendo sufficiente che quel giudice l'abbia poi esaminata traendone elemento per il proprio convincimento e che la parte che lamenti la irritualità dell'acquisizione e l'impossibilità di esame delle risultanze dell'indagine sia stata posta in grado di contraddire in merito ad esse. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza della corte territoriale che aveva riconosciuto come legittimamente acquisite le risultanze dell'accertamento tecnico preventivo, svoltosi nel contraddittorio delle parti, sin dall'inizio del giudizio di primo grado, nonostante l'assenza di un formale provvedimento del giudice istruttore e la materia acquisizione della relativa relazione soltanto in sede di decisione da parte del tribunale, posto che dette risultanze erano state invocate già nell'atto di citazione e prese specificamente in considerazione delle difese della parte convenuta, senza che fossero sollevate eccezioni di rito).

Cass. n. 19563/2009

Lo sconfinamento dai limiti dell'accertamento tecnico preventivo dà luogo ad una inutilizzabilità soltanto relativa dell'accertamento; ne consegue che, ove non sia concretamente configurabile alcuna violazione del principio del contraddittorio, per avere le parti effettivamente partecipato all'accertamento tecnico anche nei punti esorbitanti dall'incarico, ovvero allorché la relazione del consulente sia stata ritualmente acquisita agli atti senza opposizione delle parti stesse, si realizza la sanatoria di detta esorbitanza, con conseguente utilizzabilità dell'accertamento. Inoltre, una volta che sia stata ritualmente acquisita al giudizio, con conseguente sanatoria della nullità in cui sia incorso il consulente per aver sconfinato dai limiti meramente descrittivi fissati dalla L. in quella sede, la relazione di accertamento tecnico preventivo può essere liberamente apprezzata dal giudice di merito in ogni sua parte e, quindi, anche in relazione alla causa del danno.

Cass. n. 8600/2001

Gli eventi descritti in sede di accertamento tecnico preventivo — cioè lo stato dei luoghi, la qualità e le condizioni delle cose — possono essere considerati dal giudice come fonte di prova delle loro cause, allorché consentono logicamente di risalire alla conoscenza delle stesse e come base dell'indagine affidata ad un consulente tecnico nel corso del processo, allorché, per risalire dalla conoscenza degli eventi a quella delle loro cause, sia necessario l'ausilio di competenze tecniche.

Cass. n. 1134/1993

Il giudice di merito, davanti al quale sia invocato un precedente accertamento tecnico preventivo, ha il potere-dovere, ai sensi dell'art. 698, ultimo comma, c.p.c., di esercitare il controllo sull'esistenza o meno delle condizioni di ammissibilità del ricorso e del provvedimento che abbia disposto l'accertamento, compreso il presupposto dell'urgenza.

Cass. n. 9836/1990

L'art. 698 c.p.c., non prescrive, ai fini della produzione in giudizio delle prove assunte in sede di istruzione preventiva, un formale provvedimento che ne dichiari l'ammissibilità, onde tali prove devono ritenersi ammesse per il fatto stesso che abbiano formato oggetto di discussione tra le parti ed il giudice le abbia esaminate, traendone elementi per la formazione del proprio convincimento.

Cass. n. 3510/1989

In un giudizio di risoluzione del contratto d'affitto a coltivatore diretto iniziato dopo l'entrata in vigore della L. 3 maggio 1982, n. 203 può tenersi conto degli elementi di fatto acquisiti attraverso un procedimento di istruzione preventiva ancorché svoltosi in epoca anteriore senza che abbia rilievo ostativo la mancata previa contestazione dell'inadempienza (a norma dell'art. 5 della detta legge) di cui l'istruzione preventiva ha inteso assicurare la prova, non richiedendosi un tale previo incombente con riguardo ai procedimenti di istruzione preventiva.

Cass. n. 5147/1987

Agli effetti previsti dagli artt. 693 e 698 c.p.c., qualora per la causa di merito concorrano fori territoriali alternativi in base agli artt. 18, 19 e 20 c.p.c., il procedimento di istruzione preventiva espletato dinanzi a uno dei giudici che sarebbe competente per detta causa conserva la sua efficacia anche se il successivo giudizio di merito venga instaurato davanti a un giudice diverso che sia del pari competente a conoscere della controversia.

Cass. n. 852/1985

Ai fini dell'assunzione e della efficacia delle prove assunte in sede di istruzione preventiva non occorre che intervenga un formale provvedimento che dichiari l'ammissibilità delle prove stesse, potendo questa risultare indirettamente dal fatto che il giudice ne abbia esaminato l'esito traendone elementi formativi per il suo convincimento, mentre è necessario soltanto che la controparte sia stata posta in condizioni di contraddire circa le risultanze delle prove preventive. La nullità dell'accertamento tecnico preventivo non può essere dichiarata quando il provvedimento irritualmente emesso abbia raggiunto il suo scopo nel rispetto del principio del contraddittorio per essere stato notificato prima dell'inizio delle operazioni peritali alla controparte, consentendo in tal modo a questa di partecipare eventualmente a tali operazioni anche con l'assistenza di un proprio consulente.

Cass. n. 2864/1976

L'accertamento tecnico preventivo, che sia stato dichiarato ammissibile nel successivo giudizio di merito, ha la stessa efficacia probatoria dei mezzi istruttori acquisiti nel corso del giudizio medesimo. In particolare, anche con riguardo al predetto accertamento, opera il principio in base al quale il giudice può trarre elementi di convincimento pure dalle indagini compiute dal consulente tecnico con sconfinamento dal mandato conferitogli, purché nel rispetto del contraddittorio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • 700 c.p.c. Strategie processuali ed ambiti applicativi

    Editore: CEDAM
    Pagine: 1408
    Data di pubblicazione: febbraio 2015
    Prezzo: 100,00 -10% 90,00 €

    La tutela cautelare è espressione del diritto fondamentale alla effettività del rimedio giudiziale, che tale non sarebbe dove l’Ordinamento non consentisse alla parte, in attesa della decisione del giudice, di ottenere misure provvisorie urgenti, nella sussistenza di una situazione di pericolo che non è compatibile con l’attesa della sentenza.

    L’obiettivo del volume è questo, attraverso principalmente il 700 c.p.c., di accelerare i tempi... (continua)

  • Procedimenti cautelari

    Editore: CEDAM
    Collana: Il codice e le leggi sul processo civile
    Pagine: 320
    Data di pubblicazione: maggio 2015
    Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €

    Il volume è dedicato al procedimento cautelare uniforme, ossia alle norme del codice di procedura civile che dettano le regole processuali generali sui ricorsi in materia cautelare, la cui importanza è accresciuta in questi anni dall’eccessiva durata dei processi civili che ne accentua la valenza di strumento principale per la tutela effettiva dei diritti soggettivi.

    Nell’affrontare le molteplici problematiche interpretative sollevate dagli artt.... (continua)

  • Rito cautelare e misure estravaganti nel codice civile e nelle leggi speciali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: febbraio 2017
    Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €
  • Il processo cautelare

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 55,00 -10% 49,50 €

    La continua evoluzione del nostro sistema legislativo e quella del diritto vivente impongono un costante aggiornamento dei testi giuridici perché gli stessi possano continuare ad essere utilmente consultati ed utilizzati.

    In questa prospettiva si colloca l’odierna nuova edizione de Il processo cautelare. Se infatti, da quando è stata edita la precedente, non vi sono stati particolari riforme che abbiano direttamente toccato la nostra specifica materia, le... (continua)

  • Diritto processuale cautelare

    Data di pubblicazione: giugno 2015
    Prezzo: 92,00 -10% 82,80 €

    Il volume propone l'analisi, rinnovata ed ampliata, del rito cautelare uniforme, ossia del bacino di norme dedicate dal codice di procedura civile al regime processuale delle domande cautelari civili. L'opera costituisce la più analitica e diffusa trattazione del rito cautelare civile, di cui ogni singolo snodo - dalla proposizione della domanda sino all'attuazione del provvedimento cautelare - è trattato dall'autore sistematicamente con l'analisi critica di tutta la dottrina... (continua)