Art. precedente Art. successivo

Articolo 73

Codice di Procedura Civile

Astensione del pubblico ministero

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 73 Codice di Procedura Civile

Ai magistrati del pubblico ministero che intervengono nel processo civile si applicano le disposizioni del presente Codice relative all'astensione dei giudici [51], ma non quelle relative alla ricusazione[52](1).

Note

(1) In caso di mancata astensione facoltativa del p.m. si è ritenuto che tale comportamento dia luogo ad un illecito disciplinare nel caso in cui possa ingenerare sospetti, anche se infondati, di compiacenza o mancanza di imparzialità.


Ratio Legis

La norma in esame estende al p.m. la sola disciplina dell'art. 51 del c.p.c. per gli organi giudicanti, escludendo l'applicazione dell'art. 52 del c.p.c. poichè in quanto parte non è ricusabile. L'illegittimo esercizio del potere di azione o intervento è fonte di responsabilità disciplinare.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)