Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 932

Codice Civile

Tesoro

Dispositivo dell'art. 932 Codice Civile

Tesoro è qualunque cosa mobile di pregio, nascosta o sotterrata, di cui nessuno può provare di essere proprietario.
Il tesoro appartiene al proprietario del fondo (1) in cui si trova. Se il tesoro è trovato nel fondo altrui, purché sia stato scoperto per solo effetto del caso (2), spetta per metà al proprietario del fondo e per metà al ritrovatore (3). La stessa disposizione si applica se il tesoro è scoperto in una cosa mobile altrui (4).
Per il ritrovamento degli oggetti d'interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico e artistico si osservano le disposizioni delle leggi speciali (5).

Note

(1) Se il fondo è oggetto di un'enfiteusi (957) l'enfiteuta può esercitare sul tesoro gli stessi diritti del proprietario. Se sul fondo è stato, invece, costituito un usufrutto, (art. 978 del c.c.) si deve prendere in considerazione l'art. 988.
(2) L'art. 647 del c.p. punisce chi "avendo trovato un tesoro, si appropria, in tutto o in parte, la quota dovuta al proprietario del fondo".
(3) Il ritrovamento del tesoro deve essere frutto del caso, non deve, cioè, essere il risultato dipendere di un'attività finalizzata al ritrovamento.
(4) Ne può costituire esempio un gioiello trovato casualmente dentro una statua.
(5) Le cose di particolare interesse storico fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato.
Vedasi d.lgs. 29 ottobre 1999, n. 490 (Testo unico sui beni culturali e ambientali).

Ratio Legis

La disposizione è un retaggio del diritto romano e regolamenta un vero e proprio caso di scuola, relativamente al quale non si registrano, infatti, applicazioni di rilievo.

Brocardi

Inventio thesauri
Thesaurus est vetus quaedam depositio pecuniae, cuius non exstat memoria, ut iam dominum non habeat

Spiegazione dell'Articolo 932 del Codice Civile

Importanza storica dell'istituto

Nella Relazione del Ministro Guardasigilli al Re Imperatore è stato osservato che l'istituto giuridico del tesoro ha ormai un'importanza pratica assai ridotta per effetto delle leggi speciali sul ritrovamento degli oggetti di interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico e artistico, le quali rimangono naturalmente ferme, come è espressamente disposto nel terzo comma dell'art. 932. Qualche scrittore, anche tra i più eminenti, era giunto alla conclusione che l'istituto del tesoro potesse senza alcun danno addirittura eliminarsi dal codice civile.

L'istituto ha un'importanza principalmente storica per l'elaborazione di principi che a proposito del tesoro fu compiuta nel diritto romano e nel diritto intermedio.


Tesoro incluso in una cosa mobile

L'unica opportuna modificazione introdotta nel testo dell'art. 932, oltre l'indicazione di richiamo alle ricordate leggi speciali, consiste nell'esplicita precisazione (proposta anche nella Commissione Reale e che trovò pienezza di consensi nelle osservazioni fatte sul progetto dai corpi tecnici) per stabilire che il tesoro può anche trovarsi in una cosa mobile, del che si poteva dubitare, e si era dubitato, sul testo dall'art. 714 del vecchio codice, che, parlando ripetutamente di fondo in cui il tesoro poteva essere trovato, giustificava il dubbio, che la legge escludesse la possibilità di esistenza di un tesoro in una cosa mobile.


Codici stranieri

I codici stranieri ad eccezione di quello svizzero che, in ogni caso, attribuisce la proprietà totale del tesoro al proprietario del fondo, concedendo all'inventore soltanto un premio, sono tutti, al pari del nostro, impostati sui principi romani.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

433 La definizione e la disciplina che del tesoro dà l'art. 932 del c.c. non divergono da quelle del codice precedente (articolo 714). Ho solo creduto opportuno precisare che il tesoro può rinvenirsi anche in una cosa mobile. Si tratta, per altro, di un istituto d'importanza pratica assai ridotta per effetto delle leggi speciali sul ritrovamento degli oggetti d'interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico e artistico, le quali rimangono naturalmente ferme (art. 932, terzo comma).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 932 del c.c.

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Antonietta M. chiede
lunedì 06/07/2015 - Abruzzo
“Buongiorno il quesito è il seguente:
Caio un bel giorno passa a miglior vita senza lasciare disposizioni testamentarie e privo di eredi prossimi (fratelli figli genitori cugini nipoti etc.)
Si precisa altresì che Caio ha sempre affermato di non avere alcun parente in vita.
Tizio amico da molti anni di Caio, che era in possesso di un notevole patrimonio ricostruisce l'albero genealogico del medesimo al fini di individuare un erede che abbia titolo ad entrare in possesso del patrimonio altrimenti da devolvere allo Stato.
Dopo una lunga e complicata ricerca essendo Caio della classe 1920, vengono individuati alcuni eredi legittimi a cui, Tizio offre la propria consulenza senza anticipo di spese, ma una percentuale sull'asse netto realizzato, da corrispondere al momento dell'effettivo incasso delle somme spettanti.
E' applicabile alla fattispecie l'art. 932 cc vale a dire la richiesta del 50% delle somme liquide realizzate dalla vendita dei beni?
E sulle somme introitate il ricercatore deve pagare le tasse?”
Consulenza legale i 08/07/2015
L'art. 932, che disciplina il ritrovamento di un tesoro, non è applicabile nel caso di specie, perché contempla una ipotesi assolutamente diversa da quella descritta nel quesito.
Difatti, prima di tutto, la norma si applica alle sole cose mobili: quindi non potrebbe valere qualora l'eredità fosse composta anche di immobili (come si suppone, visto che si parla di "notevole patrimonio").
Non si inquadra nel caso di specie nemmeno il concetto di "scoperta". La scoperta del bene di pregio va intesa come un mero fatto giuridico, cioè il ritrovamento della cosa, in senso materiale.
Soprattutto, però, nel nostro caso manca l'elemento essenziale dell'istituto: la c.d. irreperibilità del proprietario del bene. Difatti, si conosce benissimo sia chi era il proprietario dei beni (il de cuius), sia che sono i chiamati all'eredità (lontani parenti e, in loro difetto, lo Stato).

Piuttosto, un accordo che preveda la richiesta di una percentuale sull'asse ereditario può essere inquadrato come contratto atipico o come mandato, avente ad oggetto lo svolgimento di un incarico - quello di occuparsi dell'aspetto burocratico della vicenda successoria - conferito dai chiamati all'eredità a Tizio. In questo caso, non esiste una percentuale che vada corrisposta per legge, ma saranno le parti, con la loro autonomia negoziale, a raggiungere un accordo.
In generale, può dirsi che, se si tratti di mandato, in base all'art. 1720 del c.c. il mandante è tenuto a rimborsare al mandatario le anticipazioni, con gli interessi legali dal giorno in cui sono state fatte, nonché deve pagargli il compenso che gli spetta.
Il mandante deve inoltre risarcire i danni che il mandatario ha subìto a causa dell'incarico.

E' evidente, in ogni caso, che l'eventuale somma ricevuta dal solerte "ricercatore" non potrà mai essere inquadrata come acquisto di eredità ma semplicemente come compenso, corrispettivo, di un contratto. Nulla vieta che l'entità del compenso possa essere parametrata al valore finale che verrà acquisito dagli eredi. Ciò deve però essere ben previsto fin dall'inizio, onde evitare contestazioni nel futuro. La tassazione di tale compenso (certamente c'è tassazione) dipende dal regime fiscale del percettore. Se fosse un avvocato o comunque un libero professionista potrebbe rientrare nel reddito dell'attività professionale. Se invece di trattasse di un privato cittadino che non svolge attività professionale alcuna lo dovrebbe comunque dichiarare come proprio reddito nella dichiarazione dei redditi annuale (IRPEF).

Testi per approfondire questo articolo

  • L'occupazione acquisitiva: origine ed evoluzione dell'istituto nella giurisprudenza delle giurisdizioni superiori

    Collana: Seconda Università di Napoli Jean Monnet
    Pagine: 228
    Data di pubblicazione: settembre 2016
    Prezzo: 26 €
    Categorie: Occupazione
    Il presente lavoro si propone di analizzare l'occupazione acquisitiva, la cui natura è stata a più riprese esaminata dal diritto pretorio. L'analisi dell'evoluzione normativa e giurisprudenziale costituisce oggetto del campo di indagine, finalizzato ad una ricognizione utile a cogliere le possibili prospettive ermeneutiche. L'argomento non può che essere affrontato nella cornice di quello che è ormai una sorta di "statuto europeo del diritto di proprietà".... (continua)