Art. precedente Art. successivo

Articolo 2907

Codice Civile

Attività giurisdizionale

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 2907 Codice Civile

Alla tutela giurisdizionale dei diritti provvede l'autorità giudiziaria su domanda di parte [c.p.c. 99] e, quando la legge lo dispone, anche su istanza del pubblico ministero [67, 85 2, 102 5, 117, 119, 125, 336, 417, 418, 848, 2098, 2409, 2487; c.p.c. 69] o d'ufficio [l.f. 6] (1).
La tutela giurisdizionale dei diritti, nell'interesse delle categorie professionali, è attuata su domanda delle associazioni legalmente riconosciute, nei casi determinati dalla legge e con le forme da questa stabilite [c.p.c. 409 ss.] (2).

Note

(1) Quando un soggetto subisce la lesione di un suo diritto ha il potere di chiedere allo Stato di intervenire per la sua tutela: ha, cioè, il potere di azione [v. Cost. 24], mediante il quale egli trasferisce in giudizio tale conflitto d'interessi. Colui che esercita l'azione si chiama attore; colui contro il quale l'azione viene esercitata, si chiama convenuto. Per proporre una domanda è necessario avervi interesse ed occorre che vi sia una relazione tra l'interesse ed il diritto che si fa valere in giudizio. Il convenuto si difenderà mediante eccezioni (ogni mezzo utile a contestare il fondamento della domanda dell'attore).

(2) Tale norma è una tipica espressione dello spirito solidaristico dell'ordinamento corporativo. A seguito della caduta del fascismo, ne venne chiesta l'abrogazione.
Oggi, i sindacati hanno potere di rappresentanza collettiva solo nella fase della negoziazione e non nel momento della definizione giudiziale. Infatti, solo i singoli possono tutelare la propria posizione soggettiva anche se essa derivi dalla contrattazione collettiva.
Cfr. anche art. 28, l. 20-5-1970, n. 300 (Statuto dei lavoratori).


Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)