Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 763 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n.262)

Rescissione per lesione

Dispositivo dell'art. 763 Codice civile

La divisione può essere rescissa quando taluno dei coeredi prova di essere stato leso oltre il quarto (1) (2) [766, 767, 1448, 2652 n. 1 c.c.].
La rescissione è ammessa anche nel caso di divisione fatta dal testatore, quando il valore dei beni assegnati ad alcuno dei coeredi è inferiore di oltre un quarto all'entità della quota ad esso spettante [733, 734, 767 c.c.].
L'azione si prescrive in due anni dalla divisione (3) [1449, 2946 c.c.].

Note

(1) Diversamente da quanto prescritto in materia di contratti, per la rescissione della divisione è sufficiente il solo elemento oggettivo della lesione oltre il quarto e non anche quello soggettivo dello stato di pericolo o di bisogno (v. gli artt. 1447 e ss. del c.c.).
(2) E' dubbio se alla divisione si possa applicare il divieto di convalida dei contratti rescindibili di cui all'art. 1451 del c.c.. Stante la diversità di disciplina tra la rescissione della divisione e quella dei contratti (v. nt. 1 e 3), si reputa preferibile negare l'interpretazione estensiva della predetta norma.
(3) Il termine di prescrizione dell'azione è biennale e non annuale come nel caso della rescissione dei contratti.

Ratio Legis

Si vuole assicurare al condividente l'integrale conseguimento della quota a lui spettante.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

369 Per quanto riguarda la rescissione della divisione per lesione, è stato proposto di sopprimere la previsione dell'ipotesi di rescissione della divisione fatta dal testatore, quando il valore dei beni assegnati a ciascun coerede sia minore di oltre un quarto della quota ad esso spettante, considerando che, se dal tenore del testamento risulta che il testatore ha voluto fare parti eguali, ma si è ingannato, sarà questione d'interpretare la sua volontà e di rimettersi alla decisione del magistrato. Sono stato contrario ad accogliere questa proposta, che porterebbe a sottrarre, senza giustificato motivo, la divisione fatta per testamento ai principi generali che governano le divisioni in genere, e nell'art. 763 del c.c. ho mantenuta immutata la norma contenuta nell'art. 302 del progetto. Ho inoltre modificata la precedente formulazione dell'ultimo comma, per farne risultare che il termine in esso posto non è di decadenza, ma di prescrizione, e coordinato cosi l'articolo con l'art. 1449.

Massime relative all'art. 763 Codice civile

Cass. n. 6449/2008

In caso di divisione fatta dal testatore, l'azione di rescissione è ammissibile solo nel caso in cui il testatore abbia stabilito la quota di ciascun erede, in modo che sia possibile il raffronto tra il valore dei beni concretamente attribuiti agli eredi e l'entità delle quote ad essi astrattamente attribuite dal testatore.

Cass. n. 4635/2001

Nell'azione di rescissione ex art. 763 c.c. la lesione oltre il quarto tra le quote dei condividenti deve sussistere ed essersi verificata al momento della divisione, cioè dell'attribuzione delle stesse. Deve considerarsi definitiva la divisione — cioè l'attribuzione delle quote, con conseguente rilevanza in tale sede della lesione — effettuata con scrittura privata, pur quando la stessa necessiti di un'ulteriore formalizzazione in atto pubblico, in funzione della trascrizione e delle volture catastali. In tal caso è inammissibile l'azione di rescissione per lesione, ex art. 763 c.c., proposta non contro la scrittura privata, cioè contro l'atto di divisione, ma contro il successivo atto di formalizzazione della stessa, poiché la denuncia di lesione oltre il quarto deve avere come necessario oggetto l'atto di divisione che attribuisce in modo definitivo le quote a ciascun condividente e non già l'atto di regolarizzazione della già avvenuta divisione.

Cass. n. 10333/1998

Il coerede, onde evitare la rescissione per lesione della divisione, non può limitarsi a ricondurre ad equità la disuguaglianza tra le porzioni, ma deve dare una porzione, in danaro o natura, idonea a reintegrare il valore della quota.

Cass. n. 1927/1991

Il termine di prescrizione biennale, previsto dall'art. 763 terzo comma c.c. per l'azione di rescissione della divisione, che ha natura sostanziale, dato che il suo decorso estingue il relativo diritto, è soggetto a sospensione in relazione agli interventi disposti, per le zone colpite dal terremoto del novembre 1980, dal D.L. 26 novembre 1980 n. 776, convertito, con modificazioni, in L. 22 dicembre 1980 n. 874, soltanto se abbia scadenza nei periodi espressamente contemplati.

Cass. n. 3874/1975

L'azione di rescissione dell'atto di divisione per lesione presuppone che all'attore sia stata attribuita una quota inferiore a quella astratta spettantegli nella comunione e tende ad ottenere una frazione di beni superiore a quella attribuita col negozio divisorio, mentre deve ravvisarsi un'azione di regolamento di confini — come tale non soggetta al termine biennale di prescrizione di cui all'art. 763, ultimo comma, c.c. — in quella che, presupponendo la validità ed efficacia del titolo d'acquisto di una porzione di terreno ma un'inesatta esecuzione di esso, con la conseguente materiale consegna di una porzione inferiore alla dovuta, tenda all'accertamento del confine previsto nel titolo. Deve conseguentemente ravvisarsi un'azione di regolamento di confini quando il condividente, ammettendo che la quota attribuitagli col negozio divisorio corrisponda alla quota astratta già spettantegli nella comunione, sostenga un'erronea esecuzione del negozio stesso per errore nella misura dei confini del fondo diviso, e chieda l'accertamento del giusto confine.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: è possibile inviare documenti o altro materiale allegandolo ad una email da inviare all'indirizzo info@brocardi.it indicando nell'oggetto il nome con il quale si è richiesto il servizio di consulenza

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I negozi equiparati alla divisione

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Macerata-Fac. giuridica
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

    Lo studio offre una trattazione completa degli atti equiparati alla divisione di cui all'art. 764 c.c. Individuati i tipi negoziali idonei all'equiparazione, l'indagine traccia innanzitutto la distinzione tra divisione naturale e negozi equiparati, senza discostarsi dalla prospettiva tradizionale che ravvisa nello scioglimento della comunione e nell'apporzionamento le costanti di ogni fenomeno divisorio; si sofferma, poi, sulla natura del negozio equiparato, al fine di ricostruirne il... (continua)

  • La divisione dei beni ereditari. Manuale per la pratica attuazione normativa. Con CD-ROM

    Collana: Professionisti & Imprese
    Pagine: 320
    Data di pubblicazione: aprile 2014
    Prezzo: 35,00 -10% 31,50 €
  • La divisione dell'eredità

    Editore: Fag
    Collana: Il cittadino e la legge
    Data di pubblicazione: aprile 2014
    Prezzo: 18,00 -10% 16,20 €

    La divisione è la fase più importante e delicata dell’eredità. Dividere l’eredità tra i vari coeredi può diventare un problema assai complesso, vera e propria fonte di tensioni e di tormento psicologico. Ciò perché occorrerà affrontare diversi problemi di carattere pratico e giuridico. La soluzione più valida, per evitare liti e dissapori e nello stesso tempo non rinunciare ai propri diritti, è quella di... (continua)