Art. precedente Art. successivo

Articolo 2191

Codice Civile

Cancellazione d'ufficio

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 2191 Codice Civile

Se un'iscrizione è avvenuta senza che esistano le condizioni richieste dalla legge, il giudice del registro, sentito l'interessato (1), ne ordina con decreto la cancellazione.

Note

(1) La possibilità di sentire l'interessato permette di chiarire le ragioni per le quali l'iscrizione è stata effettuata e di consentire eventualmente all'interessato di apportare le rettifiche e le correzioni ancora possibili.


Ratio Legis

Cancellazione non significa semplicemente il contrario di iscrizione, in quanto, nel caso di specie, il legislatore disciplina solo la cancellazione di un'iscrizione irregolare (avvenuta, cioè, senza che ricorressero le condizioni previste dalla legge). In particolare, la cancellazione può essere effettuata, per esempio, in ipotesi di carenza dei requisiti formali dell'atto, quali la mancanza della forma scritta, della dichiarazione, la non esistenza del fatto e via dicendo.

Sentenze relative a questo articolo

Cass. sez. un. n. 8426/2010

In tema di dichiarazione di fallimento di una società, ai fini del rispetto del termine di un anno dalla cancellazione dal registro delle imprese, previsto dall'art. 10 legge fall., l'iscrizione nel registro delle imprese del decreto con cui il giudice del registro, ai sensi dell'art. 2191 c.c., ordina la cancellazione della pregressa cancellazione della società già iscritta nello stesso registro, fa presumere sino a prova contraria la continuazione delle attività d'impresa, atteso che il rilievo, di regola, solo dichiarativo della pubblicità, se avvenuta in assenza delle condizioni richieste dalla legge, comporta che la iscrizione del decreto, emanato ex art. 2191 c.c., determina solo la opponibilità ai terzi della insussistenza delle condizioni che avevano dato luogo alla cancellazione della società alla data in cui questa era stata iscritta e, di conseguenza, la stessa cancellazione, con effetto retroattivo, della estinzione della società, per non essersi questa effettivamente verificata; ne è di ostacolo a tale conclusione l'estinzione della società per effetto della cancellazione dal registro delle imprese, a norma dell'art. 2495 c.c., introdotto dal d.l.vo 17 gennaio 2003, n. 6, atteso che la legge di riforma non ha modificato la residua disciplina della pubblicità nel registro delle imprese.

Cass. n. 2219/2009

E' inammissibile il ricorso straordinario per cassazione, ex art. 111 Cost., avverso il decreto emesso - in sede di reclamo - dal tribunale, nel corso del procedimento di cui all'art. 2191 cod. civ., avente ad oggetto la cancellazione d'ufficio di una società dal registro delle imprese; si tratta, infatti, di provvedimento di volontaria giurisdizione, privo del carattere di definitività, in quanto relativo a materia che potrebbe liberamente formare oggetto di ordinario giudizio di cognizione, nonchè privo dei carattere di decisorietà, in quanto, non incidendo su posizioni di diritto soggettivo, si risolve in un mero atto di gestione di un pubblico registro a tutela di interessi generali.

Cass. n. 816/2009

La domanda di liquidazione della quota di una società di persone, da parte del socio receduto, fa valere un'obbligazione non degli altri soci, ma della società, e, pertanto, ai sensi dell'art 2266 cod. civ., va proposta nei confronti della società medesima, quale soggetto passivamente legittimato; non sono, invece, legittimati passivi gli altri soci, in quanto il regime della responsabilità solidale illimitata dei soci, ai sensi dell'art. 2191 cod. civ., opera solo a favore dei terzi, od anche dello stesso socio, ma per altri fatti non contrattuali (come il pagamento dell'indebito o l'illecito aquiliano), archetipo in cui non rientra il diritto alla liquidazione della quota.

risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

Testi per approfondire questo articolo

La contrattazione d'impresa tra autonomia contrattuale e libertà di iniziativa economica
Profili ricostruttivi

Editore: Giappichelli
Collana: Forme e realtà nell'esperienza giuridica
Pagine: 412
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 45,00 -10% 40,50 €
Riflessioni sul contratto di rete. Profili privatistici e fiscali

Editore: Cacucci
Collana: Quaderni di diritto privato europeo
Pagine: 230
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

La pubblicazione del volume è l'esito di una riflessione collettiva, svolta nell'ambito di un incontro di studi realizzato presso la Facoltà di Giurisprudenza di Bari nel 2011, che ha visto la partecipazione disponibile e fattiva di studiosi appartenenti a diversi settori disciplinari, nel tentativo condiviso di individuare le coordinate giuridiche più appropriate per trattare e risolvere le questioni emergenti dalla nuova disciplina in materia di contratto di rete,... (continua)

Profili di diritto singolare dell'impresa

Editore: Giuffrè
Collana: Quad. romani diritto commerciale. Saggi
Data di pubblicazione: novembre 2013
Prezzo: 30,00 -10% 27,00 €

Sommario

Il problema. Il fenomeno. Beni pubblici e patrimonio sociale. Prerogative pubbliche e gestione dell'impresa. Interessi pubblici e crisi dell'impresa.

(continua)
Esercizio provvisorio e strumenti alternativi per la continuità aziendale

Editore: Ipsoa
Collana: Prevenire la crisi
Pagine: 232
Data di pubblicazione: ottobre 2013
Prezzo: 32,00 -10% 28,80 €

L’esercizio provvisorio costituisce un’alternativa o un percorso di differimento rispetto alla più tradizionale gestione liquidatoria, con la quale tipicamente in passato si è identificata la fase esecutiva delle procedure fallimentari.

Si tratta di una felice convergenza con le esigenze che emergono dalla realtà economica che oggi esprime situazioni di aziende in crisi con varie e complesse fisionomie e con situazioni di "trade off", tra crisi e... (continua)

Redditi e occupazione nelle crisi d'impresa. Tutele legali e convenzionali nell'ordinamento italiano e dell'Unione Europea

Editore: Giappichelli
Collana: Monografie Riv. dir. della sicurezza soc.
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 45,00 -10% 40,50 €

La pubblicazione costituisce il principale risultato di un'ampia e complessa ricerca finanziata dal Ministero (PRIN 2008) sul tema "Crisi d'impresa: rimedi legali e convenzionali a tutela del reddito e dell'occupazione nell'ordinamento italiano e comunitario", che ha visto coinvolte cinque Università (Napoli, Roma, Venezia, Macerata, Urbino), con i rispettivi gruppi di lavoro coordinati dai professori Giuseppe Ferraro, Francesco Liso, Adalberto Perulli, Maurizio Cinelli e Paolo... (continua)

Le procedure di composizione negoziale delle crisi e del sovraindebitamento

Editore: Giuffrè
Collana: Quaderni di giurisprudenza commerciale
Data di pubblicazione: febbraio 2014
Prezzo: 36,00 -10% 32,40 €

Il convegno internazionale su "Le procedure di composizione negoziale delle crisi e del sovraindebitamento", che ha avuto luogo nei giorni 25 e 26 gennaio 2012, segna una tappa matura ed evoluta della riflessione sulla riforma del "mosaico" sistema concorsuale, che, attraverso il c.d. "Decreto Sviluppo", si è arricchito di una ulteriore "tessera": verosimilmente non definitiva, giacché il legislatore odierno ha mostrato, dopo decenni di sostanziale stasi, di concepire il... (continua)

Il professionista attestatore negli accordi di ristrutturazione dei debiti

Collana: Univ. Camerino
Pagine: 304
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 32,00 -10% 28,80 €

Centrale, nell'esame degli accordi di ristrutturazione dei debiti, è il ruolo del professionista attestatore cui è demandata la delicata attività d'indagine e di verifica, prima di competenza degli organi giudiziari, sí da consentirne il piú rapido svolgimento nell'interesse del ceto creditorio e, in subordine, del mercato. Nel delineare i caratteri di tale munus, la figura dell'attestatore è ricondotta all'ufficio di diritto privato. Il... (continua)

L'impresa agricola in difficoltà nei pagamenti

Editore: Cacucci
Collana: Quaderni di diritto privato europeo
Pagine: 224
Data di pubblicazione: dicembre 2013
Prezzo: 25,00 -10% 22,50 €

Fino a qualche anno fa interessarsi al tema della crisi finanziaria dell'impresa agricola e delle sue possibili soluzioni, rispondeva, in maniera quasi "naturale", soltanto ad una prospettiva d'indagine comparatistica per scandagliare le soluzioni legislative adottate in altri paesi, europei ed extraeuropei, essendo pacifica la totale assenza, nel panorama legislativo nazionale, di alternative alla dissoluzione del complesso aziendale attraverso le esecuzioni individuali dei singoli... (continua)

Il lavoro nelle reti di imprese. Profili giuridici

Autore: Alvino Ilario
Editore: Giuffrè
Data di pubblicazione: marzo 2014
Prezzo: 38,00 -10% 34,20 €

Il libro esamina gli effetti giuridici che l'instaurazione di forme di collaborazione reticolare produce sull'applicazione del sistema di tutele predisposto dall'ordinamento a vantaggio del lavoratore subordinato. L'indagine si dipana in quattro tappe. La prima è dedicata a valutare in che modo la creazione di rapporti di collaborazione reticolare è suscettibile di incidere sulla nozione di datore di lavoro, alterando la formale imputazione del contratto di lavoro o ponendo... (continua)

Il lavoro nelle reti d'imprese. Profili giuridici

Autore: Alvino Ilario
Editore: Aracne
Pagine: 376
Data di pubblicazione: novembre 2013
Prezzo: 21,00 -10% 18,90 €

Nell'economia contemporanea l'attività produttiva è spesso il risultato della collaborazione stabile fra imprese che decidono di coordinare le rispettive attività per la realizzazione di obiettivi condivisi, senza rinunciare alla loro reciproca indipendenza economica e giuridica. L'aggregazione fra imprese è peraltro vista con favore dal legislatore italiano che negli ultimi anni ha varato diversi provvedimenti volti ad incentivarla, vedendo in essa un motore... (continua)