Art. precedente Art. successivo

Articolo 2058

Codice Civile

Risarcimento in forma specifica

← Art. precedente Art. successivo →

Dispositivo dell'art. 2058 Codice Civile

Il danneggiato può chiedere la reintegrazione in forma specifica (1), qualora sia in tutto o in parte possibile. Tuttavia il giudice può disporre che il risarcimentoavvenga solo per equivalente, se la reintegrazione in forma specifica risulta eccessivamente onerosa (2) per il debitore.

Note

(1) Rientrano nel concetto di risarcimento in forma specifica: a) la prestazione di una cosa uguale a quella distrutta; b) il rifacimento di quanto illecitamente disfatto; c) l'eliminazione di quanto illecitamente fatto.

(2) La reintegrazione in forma specifica è onerosa quando il sacrificio economico necessario per il risarcimento supera il valore da corrispondere in base al risarcimento per equivalente.


Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

38Quanto al modo di risarcimento, si afferma il principio che, fin quando è possibile, la reintegrazione può avve­nire in forma specifica (art. 21). Questa forma di reintegrazione, alle volte, è per il credi­tore altrettanto conveniente come il risarcimento per equiva­lente, mentre al debitore, negli stessi casi, può riuscire troppo oneroso il risarcimento per equivalente.
Se, però, la reintegrazione in forma specifica e eccessivamente onerosa per il debitore, si dà al giudice il potere di ordinare il risarcimento per equivalente; in tal modo restano contemperati i diritti del creditore e l'interesse del debitore.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

802Al pari del creditore nelle obbligazioni ex contractu, il danneggiato, in quelle per fatto illecito, ha diritto innanzi tutto alla reintegrazione in forma specifica della situazione patrimoniale anteriore: questa norma è consacrata nel primo comma dell'art. 2058 del c.c.. Peraltro, in omaggio al principio immanente di solidarietà, che impone in ogni campo la considerazione corporativa degli interessi delle parti in conflitto e di quelli preminenti della collettività (n. 558), si à stabilito nel secondo comma che il giudice possa, alla reintegrazione in forma specifica, sostituire il risarcimento per equivalente economico, se la prima sia eccessivamente onerosa per il debitore o, s'intende, sia contraria alle esigenze dell'economia nazionale. Al dovere primario di riparare in natura il danno illecitamente cagionato si può collegare anche il disposto dell'art. 2057 del c.c., secondo il quale al danno permanente che consiste nella soppressione o nella menomazione di attività del soggetto destinata presumibilmente a procacciargli i mezzi di sussistenza, può farsi corrispondere l'assegnazione di una rendita vitalizia: questa norma fa meglio aderire la misura del risarcimento alla natura e alla durata del danno, che nei casi suddetti è continuativo.

Brocardi collegati a questo articolo

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 259/2013

In tema di danni, rientra nei poteri discrezionali del giudice del merito (il cui mancato esercizio non è sindacabile in sede di legittimità) attribuire al danneggiato il risarcimento per equivalente, anziché in forma specifica come domandato dall'attore (sulla base di valutazione che si risolve in giudizio di fatto, ai sensi dell'art. 2058, secondo comma, c.c., del pari insindacabile in cassazione), costituendo il risarcimento per equivalente un "minus" rispetto al risarcimento in forma specifica e intendendosi, perciò, la relativa richiesta implicita nella domanda di reintegrazione, con la conseguenza che non incorre nella violazione dell'art. 112 c.p.c. il giudice che pronunci d'ufficio una condanna al risarcimento per equivalente.

Cass. n. 2359/2012

L'art. 2058, secondo comma, c.c., il quale prevede la possibilità di ordinare il risarcimento del danno per equivalente anziché la reintegrazione in forma specifica, in caso di eccessiva onerosità di quest'ultima, non trova applicazione alle azioni intese a far valere un diritto reale, la cui tutela esige la rimozione del fatto lesivo, come nel caso della domanda di riduzione in pristino per violazione delle norme sulle distanze, atteso il carattere assoluto del diritto leso.

Cass. sez. un. n. 11963/2011

L'occupazione appropriativa per fini di pubblica utilità non seguita da espropriazione determina, comunque, l'acquisto della proprietà, in capo alla P.A., dell'area occupata al momento della sua irreversibile trasformazione e nei limiti dalla parte trasformata; tuttavia analogamente a quanto previsto dalla normativa in tema di retrocessione dei beni espropriati - ove risulti che l'opera programmata non sia stata completata e sia provato che è sopravvenuto un difetto di interesse della P.A. nel perseguimento dell'obiettivo originariamente considerato come meritevole di soddisfacimento, può essere accolta la domanda del privato volta alla restituzione dei beni occupati, in tal modo realizzandosi la reintegrazione in forma specifica del pregiudizio subito, alla luce
della previsione di cui all'art. 2058 del codice civile.

Cass. n. 21012/2010

La domanda di risarcimento del danno subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, quando abbia ad oggetto la somma necessaria per effettuare la riparazione dei danni, deve considerarsi come richiesta di risarcimento in forma specifica, con conseguente potere del giudice, ai sensi dell'art. 2058, secondo comma, c.c., di non accoglierla e di condannare il danneggiante al risarcimento per equivalente, ossia alla corresponsione di un somma pari alla differenza di valore del bene prima e dopo la lesione, allorquando il costo delle riparazioni superi notevolmente il valore di mercato del veicolo.

Cass. n. 10663/2009

Nel caso di responsabilità aquiliana, il risarcimento del danno in forma specifica non può mai cumularsi col risarcimento per equivalente, salvo il ristoro di eventuali ulteriori pregiudizi subiti dal danneggiato, pena la violazione del generale principio in virtù del quale il risarcimento non può mai trasformarsi in una fonte di arricchimento per la vittima; pertanto il proprietario di un immobile condominiale danneggiato da infiltrazioni, ove il condominio abbia provveduto a rifondergli le spese necessarie per il restauro, non può pretendere anche il risarcimento del danno da deprezzamento dell'immobile, a meno che non dimostri che, a restauro avvenuto, l'immobile abbia comunque perduto parte del suo valore.

Cass. n. 12964/2005

Il risarcimento del danno per equivalente costituisce una reintegrazione del patrimonio del creditore che si realizza mediante l'attribuzione, al creditore, di una somma di danaro pari al valore della cosa o del servizio oggetto della prestazione non adempiuta , e quindi si atteggia come la forma, per così dire, tipica di ristoro del pregiudizio subito dal creditore per effetto dell'inadempimento dell'obbligazione da parte del debitore, mentre il risarcimento in forma specifica, essendo diretto al conseguimento dell'eadem res dovuta, tende a realizzare una forma più ampia e, di regola, più onerosa per il debitore, di ristoro del pregiudizio dallo stesso arrecato, dato che l'oggetto della pretesa azionata non è costituito da una somma di danaro, ma dal conseguimento, da parte del creditore danneggiato, di una prestazione del tutto analoga, nella sua specificità ed integrità, a quella cui il debitore era tenuto in base al vincolo contrattuale. Ne consegue che costituisce una semplice emendatio libelli la richiesta di risarcimento per equivalente allorché sia stato originariamente richiesto, in giudizio, il risarcimento in forma specifica. Allo stesso modo, nelle obbligazioni contrattuali è consentito all'attore che abbia invano svolto l'istanza diretta ad ottenere la restituzione di una cosa determinata, della quale il debitore più non dispone, modificare la domanda richiedendo il risarcimento per equivalente, senza che ciò sia impedito dalla eventuale preventiva conoscenza dell'impossibilità della restituzione, atteso che per poter dare rilievo a tale situazione di impossibilità di adempiere all'obbligo restitutorio, al fine di giustificare la emendatio libelli è necessario che sul punto intervenga l'ammissione in giudizio del debitore.

Cass. n. 14599/2004

La domanda di risarcimento del danno in forma specifica — esperibile pure in materia contrattuale — postula per il suo accoglimento (al
pari di quella di risarcimento per equivalente) l'esistenza di un danno come conseguenza di un determinato fatto, sicchè, in ipotesi d'inadempimento o inesatto adempimento di obbligazione contrattuale, pur presumendosi la colpa del debitore (art. 1218 c.c.), un danno deve sempre essere dedotto e provato; la concessione del risarcimento in forma specifica, peraltro, pur risolvendosi in un giudizio di fatto e rimanendo pertanto rimessa alla discrezionalità del giudice di merito richiede di essere specificamente motivata, attesa l'inapplicabilità di tale forma di risarcimento laddove eccessivamente onerosa per il debitore.

Cass. n. 9709/2004

In tema di risarcimento del danno, il principio secondo cui la scelta del tipo di risarcimento (se in forma specifica o per equivalente) spetta al danneggiato non osta a che il danneggiante, secondo i principi generali in tema di obbligazione e fino a quando non intervenga la sentenza esecutiva, risarcisca spontaneamente il danno anche in forma diversa da quella scelta dal creditore, salva la possibilità per quest'ultimo di rifiuto, che, ove ingiustificato e determinante un aggravamento del danno, comporta tuttavia la riduzione del risarcimento dovuto, ai sensi dell'art. 1227, secondo comma, c.c

Cass. n. 6285/2004

L'esercizio in concreto del potere discrezionale conferito al giudice di procedere alla liquidazione del danno in via equitativa è suscettibile di sindacato in sede di legittimità soltanto se la motivazione non dà adeguatamente conto dell'uso di tale facoltà, indicando il processo logico e valutativo seguito. (Nella specie, la S.C. ha tassato la sentenza di merito che aveva ridotto ad un importo estremamente esiguo la somma liquidata a titolo di risarcimento del danno biologico in favore di una donna che, a seguito del trauma addominale provocato da un incidente stradale, aveva subito una interruzione di gravidanza, rilevando che le affermazioni contenute nella sentenza di merito, secondo le quali l'interruzione di gravidanza si era verificata naturalmente e senza particolari problemi terapeutici, si traducevano in argomentazioni poco chiare, incoerenti ed inadeguate, raffrontate alla fattispecie concreta, per evidenziare il procedimento logico seguito nella liquidazione equitativa).

Cass. n. 3004/2004

In materia di risarcimento del danno, secondo un principio che trova applicazione anche in materia contrattuale, rientra nei poteri discrezionali del giudice del merito (il cui mancato esercizio non è sindacabile in sede di legittimità) attribuire al danneggiato il risarcimento per equivalente anzichè in forma specifica come domandato dall'attore (la valutazione di cui all'art. 2058, secondo comma, c.c. del pari essendo insindacabile in sede di legittimità risolvendosi in un giudizio di fatto). Tale facoltà si tramuta in dovere solamente quando la demolizione della cosa sia di pregiudizio all'economia nazionale, ai sensi della previsione di cui all'art. 2933, secondo comma, c.c., che limita l'eseguibilità in forma specifica degli obblighi di non fare riferendosi esclusivamente alle cose insostituibili ovvero di eccezionale importanza per l'economia nazionale la cui perdita risulti pregiudizievole per l'intera collettività là dove viene ad incidere sulle fonti di produzione o di distribuzione della ricchezza, a tale stregua pertanto non invocabile (nemmeno in tempi di crisi edilizia) al fine di evitare la demolizione totale o parziale di un edificio ad uso di abitazione.

Cass. n. 8052/2003

Poiché il risarcimento del danno da responsabilità aquiliana ha la funzione di porre il patrimonio del danneggiato nello stesso stato in cui si sarebbe trovato se l'illecito non si fosse verificato, è da escludere la legittimità del ricorso alla reintegrazione in forma specifica qualora, per le circostanze del caso concreto, le spese necessarie ad essa sarebbero superiori rispetto alla somma alla quale avrebbe diritto il danneggiato ex art. 2056 c.c., in quanto in tal caso il danneggiato riceverebbe dalla reintegrazione una ingiustificata locupletazione.

Cass. n. 7529/2003

Il risarcimento in forma specifica, secondo il principio generale fissato dall'art. 2058 c.c., applicabile anche anche alle obbligazioni contrattuali, costituisce rimedio alternativo al risarcimento per equivalente pecuniario, sicché il creditore di un'obbligazione da contratto inadempiuta non può chiedere, a titolo di risarcimento del danno derivato al suo patrimonio dall'inadempimento o dall'inesatto adempimento di essa, congiuntamente sia l'attribuzione della somma in denaro idonea a reintegrare tale patrimonio della diminuzione economica derivatagli dall'inadempimento della prestazione dovuta — nel che consiste il danno —, che l'adempimento diretto della prestazione dovutagli da parte dell'obbligato, volto a rimuovere la causa — e cioè l'inadempimento — della lesione del suo patrimonio, ma deve optare per l'una o l'altra forma di risarcimento.

Cass. n. 11221/1997

L'art. 2058 secondo comma c.c., il quale conferisce al giudice la facoltà di disporre che il risarcimento del danno avvenga per equivalente, se la reintegrazione in forma specifica risulti eccessivamente onerosa per il debitore, non è applicabile alle azioni di tutela di un diritto reale. (Nella specie, domanda di demolizione di opere eccedenti i limiti massimi di superficie contrattualmente previsti a favore del fondo vicino).

Cass. n. 10694/1997

Se è vero che deve escludersi l'applicabilità dell'art. 2058, secondo comma, c.c., alle azioni intese a far valere un diritto reale (nella specie, un'azione di ripristino dello stato dei luoghi) sicché, a favore di chi ha agito per la tutela in forma specifica non può essere pronunziata decisione di condanna «per equivalente» — giacché la tutela del diritto reale è assoluta — è altresì vero che un tal tipo di pronuncia si rende però ammissibile allorché sia lo stesso attore «danneggiato» a chiedere la condanna per equivalente.

Cass. n. 2468/1983

L'attribuzione al danneggiato del risarcimento per equivalente può essere disposta dal giudice del merito d'ufficio, nell'esercizio del suo potere discrezionale, unicamente se sia stata proposta domanda di reintegrazione in forma specifica, nel qual caso soltanto è possibile passare dal più (reintegrazione in forma specifica) al meno (risarcimento per equivalente), nell'ambito dello stesso petitum.

Hai un dubbio su questo articolo?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica. Non promettiamo di poter rispondere a tutti. Il servizio offerto è del tutto gratuito e senza alcun scopo di lucro. Chi avesse urgenza di ricevere risposta dovrà specificare che desidera il servizio a pagamento (per tutti i quesiti il costo è di 24,51 € + IVA per un totale di 29,90 €).
(leggi l'informativa)

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

Trattato di diritto civile [vol. 3]

Editore: CEDAM
Data di pubblicazione: dicembre 2014
Prezzo: 90,00 -10% 81,00 €

Aggiornamento a cura di Nadia Zorzi Galgano

La nuova edizione del Trattato, mantiene la tanto apprezzata impostazione delle precedenti edizioni con una completa trattazione dell’intero diritto civile e commerciale.

L'opera è un autorevole strumento destinato ai professionisti del diritto – docenti, avvocati, magistrati, notai – oltre che ai laureati che si accingono ad affrontare gli esami di ammissione alle relative carriere.

L’obiettivo... (continua)

Formulario della nuova responsabilità civile

Editore: Ipsoa
Pagine: 608
Data di pubblicazione: giugno 2014
Prezzo: 60,00 -10% 54,00 €

Il Formulario offre un utile strumento per orientare i professionisti nel complesso e variegato settore della responsabilità civile.

Il volume affronta le tematiche di maggiore interesse: responsabilità del professionista (medico, struttura ospedaliera, avvocato, notaio, dottore commercialista, arbitro, curatore fallimentare, professionista tecnico, provider); tutela della famiglia (con particolare riguardo ai cc.dd. illeciti eso-familiari ed endo-familiari);... (continua)

La responsabilità civile della P. A. derivante dalla custodia dei beni pubblici. Spunti ricostruttivi

Autore: Di Maio Luigi
Editore: Jovene
Pagine: 176
Data di pubblicazione: dicembre 2014
Prezzo: 16,00 -10% 14,40 €
La responsabilità civile. Contratto e torto

Editore: Giappichelli
Collana: Studi di diritto comparato
Data di pubblicazione: novembre 2014
Prezzo: 55,00 -10% 49,50 €

Un itinerario sulle strutture e sulle funzioni delle responsabilità contrattuale ed extracontrattuale. La nascita e l'affermazione delle obbligazioni di sécurité, degli obblighi di protezione e di inediti rimedi contrattuali per terzi testimoniano una tendenza comune della giurisprudenza europea volta ad attrarre, all'interno di una struttura complessa del rapporto obbligatorio, interessi diversi rispetto alla prestazione ai quali la disciplina della... (continua)

Trattato breve dei nuovi danni
Impresa, mercato, società

Autore: Cendon Paolo
Editore: CEDAM
Data di pubblicazione: luglio 2014
Prezzo: 120,00 -10% 108,00 €

L'opera presenta con chiarezza i filoni del diritto applicato, valutando luci e ombre del sistema della responsabilità civile, con attenzione al tema del danno alla persona. Esamina le neo-figure di tutela risarcitoria e i nuovi risvolti dannosi relativamente a: danno da inadempimento, circolazione stradale, figure di danneggiati, responsabilità processuale, responsabilità dei professionisti, lavoratori, società e impresa.

(continua)
Trattato breve dei nuovi danni
Figure emergenti di responsabilità

Autore: Cendon Paolo
Editore: CEDAM
Data di pubblicazione: luglio 2014
Prezzo: 120,00 -10% 108,00 €

L'opera presenta con chiarezza i filoni del diritto applicato, valutando luci e ombre del sistema della responsabilità civile, con attenzione al tema del danno alla persona. Esamina le neo-figure di tutela risarcitoria e i nuovi risvolti dannosi relativamente a: soggetti deboli, informazione, ambiente, illeciti informatici, p.A., scuola, attività sportiva, tempo libero, delitti.

(continua)
Cos'è la responsabilità civile

Collana: Centro studi toscolano
Pagine: 348
Data di pubblicazione: novembre 2014
Prezzo: 34,00 -10% 30,60 €

Il presente volume mira a far conoscere, in linea con le finalità della collana, un istituto del diritto civile in grande espansione, non solo a coloro che studiano diritto, ma anche a lettori non necessariamente addetti ai lavori e versati in discipline giuridiche. L'opinione pubblica infatti è sempre più coinvolta dai Mass Media ad interessarsi di fatti rilevanti penalmente, mentre non si dà alcun rilievo alla circostanza che i reati contro le persone e i... (continua)

La prova del danno biologico

Editore: Giuffrè
Collana: La responsabilità civile
Data di pubblicazione: giugno 2014
Prezzo: 43,00 -10% 38,70 €
Categorie: Danno biologico
Trattato breve dei nuovi danni
Persone, famiglia, medicina

Autore: Cendon Paolo
Editore: CEDAM
Pagine: 1350
Data di pubblicazione: giugno 2014
Prezzo: 120,00 -10% 108,00 €

Dopo il grande successo del Trattato dei Nuovi Danni (2011), il Prof. Cendon, con la sua collaudata squadra di collaboratori, ha realizzato un nuova opera più compatta (di qui la parola breve e la struttura in 3 volumi anziché 6), con particolare attenzione alle figure più importanti di danno, le nuove frontiere di tutela della persona, le proposte del governo, le nuove vittime.

Questo primo volume, esamina le neo-figure di tutela risarcitoria e i nuovi risvolti... (continua)

Danno non patrimoniale e inadempimento

Collana: Cultura giuridica e rapporti civili
Pagine: 600
Data di pubblicazione: settembre 2014
Prezzo: 62,00 -10% 55,80 €

Se l'opinione classica si è generalmente arroccata su posizioni contrarie alla risarcibilità del danno non patrimoniale da contratto, per via di una asserita prevalenza del principio di patrimonialità nel diritto degli scambi, è invece oggi facilmente individuabile un'opposta tendenza favorevole alla riparazione. A corona di ciò si deve situare l'imprescindibile approccio assiologico civil-costituzionale, il quale pone la "Persona" in una posizione di... (continua)