Brocardi.it, il sito dedicato al latino dei giuristi... e molto altro CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1815

Codice Civile

Interessi

Dispositivo dell'art. 1815 Codice Civile

Salvo diversa volontà delle parti (1), il mutuatario deve corrispondere gli interessi (2) al mutuante (3). Per la determinazione degli interessi si osservano le disposizioni dell'articolo 1284.
Se sono convenuti interessi usurari la clausola è nulla e non sono dovuti interessi (4) (5) (6).

Note

(1) La presunzione legale è nel senso di un mutuo oneroso, definito anche mutuo feneratizio.
(2) Il corrispettivo può anche non consistere nel pagamento di interessi ma, ad esempio, in un fare o in un dare. Inoltre, le parti possono anche stipulare un mutuo c.d. quotativo, nel quale il corrispettivo consiste in una partecipazione agli utili.
(3) Secondo alcuni il contratto è unilaterale (1333 c.c.) in quanto prevede solo l'obbligo restitutorio a carico del mutuatario, essendo la consegna del denaro momento di perfezione del contratto e non obbligazione posta a carico del mutuante. La tesi non è condivisa nè da chi ritiene si tratti di un contratto consensuale nè da chi ritiene che, comunque, il mutuante sia gravato dall'obbligazione di non pretendere la restituzione del bene o del denaro prima della scadenza.
(4) Comma così sostituito dall'art. 4, l. 7 marzo 1996, n. 108.
(5) La precedente disciplina stabiliva che in caso di interessi usurari essi si riducevano, automaticamente, al tasso legale, in deroga al disposto dell'art. 1343 c.c.. Con la nuova formulazione il legislatore adotta una linea più severa, stabilendo una sorta di sanzione che converte il mutuo a tassi usurari in mutuo gratuito. Si noti che non si è scelto di estendere la nullità della clausola all'intera pattuizione (1419, 1 c.c.) in quanto ciò avrebbe significato, di regola, il sacrificio dell'interesse della parte debole del rapporto, il mutuatario.
(6) Ai sensi dell'art. 1 del D.L. 29 dicembre 2000, n. 394, convertito, con modifiche, nella l. 28 febbraio 2001, n. 24, "si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui essi sono promessi o comunque convenuti, a qualunque titolo, indipendentemente dal momento de loro pagamento".

Ratio Legis

L'onerosità del mutuo si giustifica in considerazione del fatto che il mutuatario ha il godimento di un certo bene e, di regola, di un bene fruttifero (si pensi al denaro). Pertanto, il mutuante si priva di tali frutti dei quali ha però, diritto alla restituzione.
La nullità del comma 2 è, invece, prevista a protezione del mutuatario e quale deterrente all'intenzione di fissare interessi usurari.

Spiegazione dell'Articolo 1815 del Codice Civile

L'obbligo degli interessi

L'innovazione più importante introdotta dal nuovo codice e quella sancita dall'art. 1815 che unifica il regime del mutuo civile e del mutuo commerciale nel senso di porre a carico del mutuatario, salva diversa volontà delle parti, l'obbligo di corrispondere gli interessi.

Gli interessi dovuti sono quelli legali quando per iscritto interessi sia stato convenuto un tasso superiore (art. 1284 del c.c.). Se però gli interessi sono usurari, il loro importo viene ridotto alla misura legale senza che sia necessario indagare, come dovrebbe farsi in base all' art. 1419 del c.c., se il mutuante si sarebbe ugualmente determinato a stipulare il contratto ove la controparte, a sua volta, fosse stata disposta a corrispondere solo l’ interesse legale.

Con questo sistema, come si osserva giustamente nella Relazione Ministeriale, da una parte si è colpito il mutuante impedendogli di godere del vantaggio usurario che si era fatto promettere dal mutuatario, dall'altra non si e danneggiato il mutuatario il quale, se si fosse dichiarato nullo il contratto, sarebbe rimasto obbligato all'immediata restituzione del capitale ricevuto. Al tempo stesso non si e permesso al mutuatario di arricchirsi indebitamente continuando a godere la somma ricevuta senza corrispondere alcun interesse come invece consentiva il codice del 1865 (art. 1831 ult. comma) nell'ipotesi in cui facesse difetto una scrittura dalla quale resultasse l'interesse ultralegale.


Uno sguardo d'assieme alle obbligazioni nascenti dal mutuo e loro rilevanza ai fini della classificazione di questo contratto

Ciò premesso, siamo in grado di enucleare e sistemare definitivamente le obbligazioni sorgenti hinc et inde dalla stipulazione del contratto di mutuo.

A) Obbligazioni del mutuatario:
- restituzione del tantundem (o del valore delle cose fungibili ricevute nell'ipotesi di impossibilità o notevole difficolta di restituzione in natura) : obbligazione principale ;
- pagamento degli interessi (se questi non siano stati espressamente o tacitamente esclusi): obbligazione accessoria.

B) Obbligazioni del mutuante:
- Risarcimento dei danni cagionati al mutuatario per i vizi delle cose date a prestito (se non provi di avere ignorato detti vizi senza sua colpa se, trattandosi di mutuo gratuito, non ne abbia avvertito il mutuata rio nel caso in cui ne fosse a conoscenza) : obbligazione eveventuale.

Da ciò deriva che il mutuo appartiene :
1) alla categoria dei contratti con prestazioni a carico di una sola parte. Ora, se è esatto dire che perché si abbia la figura del contratto con prestazioni corrispettive è necessario che le due obbligazioni e prestazioni contrapposte coesistano e non seguano l'una dopo l'altra nel tempo per causa di un fatto posteriore, non è meno vero che alcune disposizioni proprie di quest'ultima categoria di contratti si applicano anche ai contratti con prestazioni a carico di una sola parte quando l'altra, quella che normalmente non sarebbe tenuta ad alcuna prestazione, si trovi ad essere obbligata verso la prima per causa dipendente dallo stesso contratto : in altre parole e per riferirsi al nostro istituto, si ritiene che se, ad esempio, per un vizio della cosa data a prestito il mutuante sia tenuto a risarcire il danno subito dal mutuatario, questi possa, nel frattempo, sospendere la corresponsione degli interessi o addirittura la restituzione del tantundem avvalendosi cioè di una disposizione dettata principalmente (ma non esclusivamente) per i contratti a prestazioni corrispettive (art. 1463 del c.c.) ;

2) alla categoria dei contratti onerosi qualora siano dovuti gli interessi, a quella dei contratti gratuiti se gli interessi siano stati esclusi.

È a tutti nota la annosa disputa che si agitò sotto la vigenza del codice del 1865 per stabilire se il mutuo ad interesse fosse o meno un contratto a prestazioni corrispettive (allora dicevasi, meno propriamente, bilaterale) e ciò al fine dell'applicabilità, ad esso della c. d. condizione risolutiva tacita nel caso di mancato pagamento degli interessi.

La questione era evidentemente mal poster in quanto la corresponsione di interessi determina, come abbiamo visto, il sorgere di una ulteriore obbligazione a carico del mutuatario, già tenuto, in via principale, alla restituzione del tantundem, mentre nessuna obbligazione, salva quella eventuale per vizi delle cose date a prestito, grava sul mutuante una volta che egli, con la consegna del danaro o delle altre cose fungibili, abbia dato vita al contratto di mutuo ; il mutuo insomma, tanto che siano dovuti, quanto che siano esclusi gli interessi, è un contratto a prestazioni da una sola parte e quindi non potrebbe ad esso applicarsi, in linea di principio, l'istituto della risoluzione per inadempimento.

Tuttavia, se il mutuo ad interessi ha, come il mutuo gratuito, la forma del contratto con prestazioni da una sola parte (dato che, come più volte abbiamo detto, la consegna rappresenta elemento costitutivo per la formazione del rapporto e non atto di esecuzione o presupposto per il sorgere dell'obbligazione di restituzione) e anche vero che la sua anima e quella di un contratto a prestazioni corrispettive, come conferma anche l'art. 1816 secondo cui il termine per la restituzione si presume stipulato a favore di entrambe le parti ed a favore del solo mutuatario nell'ipotesi di mutuo gratuito. Opportunamente perciò è stato stabilito che, mancando il mutuatario all'obbligo del pagamento degli interessi, il mutuante può chiedere la risoluzione del contratto (art. 1820 del c.c.) : e ciò opportunamente, perché, venendo incontro ad an bisogno vivamente sentito nella prassi, come dimostrava il ricorso alla clausola risolutiva espressa, si è eliminata anche la più grave incongruenza che derivava dall'essere il mutuo un contratto reale, cioè perfezionantesi solo con la consegna del danaro o delle altre cose fungibili.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Sentenze relative a questo articolo

Cass. n. 19698/2008

Nel regime anteriore alla legge n. 108 del 1996 il negozio di mutuo era da considerarsi illecito per pattuizione di interessi a tasso eleva­to solo nel caso di sussistenza degli estremi del delitto di usura ai sensi dell'art. 644 cod. pen. (nella previgente formulazione). In particolare, lo stato di bisogno preso in considerazione dal detto precetto penale poteva essere indifferentemente determinato da cause incolpevoli oppure da vizi, prodigalità o altre cause inescusabili, poiché la norma perseguiva la finalità di colpire l'usurario quale persona socialmente nociva, che non ces­sava di essere tale, quale che fosse la natura o la causa del bisogno del debitore, e sussisteva quand'anche l'offeso avesse inteso insistere negli affari al di fuori di ogni razionale criterio im­prenditoriale. Ne consegue che lo stato di biso­gno nel reato di usura ricorreva tutte le volte in cui la persona offesa non era in grado di ottenere altrove e a condizioni migliori la prestazione di denaro o altra cosa occorrente anche ai fini della sua attività d'impresa e doveva, invece, sottostare alle esose condizioni imposte per il prestito; deve, pertanto, escludersi che quella privazione o grave limitazione della libertà di scelta del mutuatario, che qualifica l'usura, fosse incompatibile con il carattere commerciale dell'attività lucrativa in cui l'usura venga ad inserirsi. (In applicazione del riportato principio la S.C. ha cassato la sentenza dei giudici di merito secondo cui - offrendone un'interpretazione riduttiva - lo stato di bisogno doveva essere escluso nel caso in cui il mutuatario si fosse ripromesso dal prestito uno scopo di lucro, sotto il profilo dell'investimento del denaro ricevuto, soltanto o anche per intraprendere o in­crementare affari commerciali).

Cass. n. 2317/2007

In tema di contratti di mutuo, perchè una convenzione relativa agli interessi sia validamen­te stipulata ai sensi dell'art. 1284, terzo comma, c.c., che è norma imperativa, la stessa deve avere un contenuto assolutamente univoco e contenere la puntuale specificazione del tasso di interesse; ove il tasso convenuto sia variabile, è idoneo ai fini della sua precisa individuazione il riferimento a parametri fissati su scala nazionale alla stregua di accordi interbancari, mentre non sono suffi­cienti generici riferimenti, dai quali non emerga con sufficiente chiarezza quale previsione le parti abbiano inteso richiamare con la loro pattuizio­ne. (Nella specie, relativa ad un contratto con­cluso nel 1981, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva dichiarato la nullità della pattuizione degli interessi convenzionali, perché essa non consentiva di individuare univocamente la banca o il gruppo bancario cui fare riferimento e neppure se quello preso in considerazione da­gli stipulanti fosse il tasso applicato per i mutui, il tasso di sconto o il tasso praticato per i conti correnti bancari, ed in questo caso se dovesse far­si riferimento ai tassi praticati ai clienti ordinari o invece al «prime rate»).

Cass. n. 5324/2003

In tema di contratto di mutuo, l'art. 1 della L. n. 108 del 1996, che prevede la fissazione di un tasso soglia al di là del quale gli interessi pattuiti debbono essere considerati usurari, riguarda sia gli interessi corrispettivi che gli interessi morato­ri, ma non si applica ai contratti contenenti tassi usurari stipulati prima della sua entrata in vigore se relativi a rapporti completamente esauriti al momento della entrata in vigore della legge

Cass. n. 14899/2000

In tema di contratto di mutuo, la pattuizione di interessi moratori a tasso divenuto usurario a seguito della L. n. 108 del 1996 è illegittima anche se convenuta in epoca antecedente all'entrata in vigore di detta legge e comporta la sostituzione di un tasso diverso a quello divenuto ormai usura­rio, limitatamente alla parte di rapporto a quella data non ancora esaurito.

Hai un dubbio su questo argomento?
Risolvi il tuo problema!

Scrivi alla nostra redazione giuridica!

Attenzione: prenderemo in esame SOLO richieste scritte in italiano corretto, con adeguata punteggiatura, riferite a quesiti e/o problematiche di natura giuridica.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Quesiti degli utenti
relativi all'articolo 1815 del c.c.

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

18/04/2015 Lombardia
Paolo M. chiede
“Breve premessa
Premesso che mio padre è stato vittima di richieste estorsive per prestito personale, con un tasso di interesse applicato dal creditore, pari al 30,28% risultante da una Perizia tecnica, per un credito iniziale di Lire 44.569,00 arrivati alla somma Lire 68.608,599 nel lasso di tempo di circa due anni.
A danno di mio padre e mia madre pendono 2 procedure esecutive di pignoramento, iniziate dal creditore procedente/usuraio, ora deceduto, e a tale riguardo è stata fatta al Procuratore della repubblica richiesta di parere per la sospensione dei termini (Art. 20 Legge N. 44/99) di cui il Procuratore della repubblica concedeva i benefici dei termini di scadenza previsti dall’Art. 20 Legge N. 44/99.
I termini di cui sopra sono in scadenza, pendono 2 procedure esecutive di pignoramento presso il tribunale.
Abbiamo chiesto la proroga della sospensione dei termini, ma da un colloquio verbale con il Procuratore ci veniva comunicato che la nostra richiesta non sarebbe stata accolta in quanto seconda richiesta di proroga. In questa procedura avviata dal creditore procedente si è aggiunto un creditore legittimo, per un credito maturato in seguito ad una scrittura privata attraverso la quale i miei genitori gli trasferivano un terreno edificatorio poi annullata per inadempienza del comune

Di seguito alcuni elementi e possibili soluzioni da me apprese da altre fonti, di cui chiedo la Vs. conferma sull’esattezza.

Premetto che non è in corso alcun processo penale ma solo un’indagine del magistrato verso il figlio, per verificare se vi è un coinvolgimento dello stesso, perché il creditore procedente è deceduto.

Essendo in scadenza i termini di sospensione amministrativa che non verranno prorogati, l’esecuzione riprenderà e i beni che sono stati pignorati andranno all’asta e potranno essere venduti. È possibile proporre al giudice dell’esecuzione un’istanza di sospensione dell’esecuzione forzata ai sensi degli articoli 295, 623 e 624 del Codice di procedura civile, con la motivazione che sussiste in danno del creditore procedente un reato di usura per l’applicazione di tassi usurari relativamente ad un prestito concesso a mio padre, risultante da una Perizia tecnica e dall’accertamento fatto dal magistrato in seguito alla denuncia? oppure l’accertamento del reato di usura avviene attraverso un processo penale? e in questo caso lo deve iniziare?

- Abbiamo chiesto la proroga della sospensione dei termini, ma da un colloquio verbale con il Procuratore ci veniva comunicato verbalmente che la nostra richiesta non sarebbe stata accolta perché 2° richiesta di proroga, in quando una sentenza del 2015 diceva che non si potevano dare ulteriori proroghe. È così me lo conferma?

Poi il magistrato ipotizzava che se c’era un parente coinvolto poteva chiedere la proroga che sarebbe stata concessa, solo che erano scaduti i termini di scadenza (10 aprile) e non è stato possibile farlo in tempo. E’ cosi?

- Avendo il magistrato accertato, il reato di usura, risultante anche da una Perizia tecnica, questo ha come conseguenza la certezza dell’applicabilità di ciò che stabilisce l’articolo 1815, 2° comma, del Codice civile, secondo il quale: “Se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi”.? Oppure anche in questo caso ci deve essere un processo penale che accerta che il creditore di mio padre ha praticato tassi usurari nel prestito concesso?

- Nella nostra situazione é fattibile usare ciò che è stabilito dalla Legge 3 del 2012 sulla crisi da sovra indebitamento? Se fosse fattibile contribuirebbe alla sospensione dell’esecuzione forzata? Mi hanno detto che per azionare la legge 3 del 2012, si deve riconoscere la legittimità dell'intero debito (nel nostro caso una parte del debito non sarebbe legittima essendoci il reato di usura). Mi confermate se è così oppure posso accettare l’intero debito con riserva per via degli interessi usurai? In base all’articolo 1815, 2° comma, del Codice civile, secondo il quale: “Se sono convenuti interessi usurari, la clausola è nulla e non sono dovuti interessi”

Come detto nella premessa in questa procedura avviata dal creditore procedente (usuraio) si è aggiunto un creditore legittimo

- Tra i beni che risultano dagli atti di pignoramento immobiliare sottoposti all’esecuzione forzata a favore del creditore (usuraio),ci sono 2 beni, che non sono stati pignorati dal creditore intervenuto.
In questo caso, avendo il magistrato accertato il reato di usura in seguito alla denuncia e risultante anche da una Perizia tecnica, l’esecuzione forzata sui due beni che non risultano in capo al creditore intervenuto, rendono non proseguibile l’esecuzione sui due beni? invalidano il procedimento?

- Su uno dei beni pignorati ci sono delle procedure legali quali:
1) Occupazione usurpativa da parte del comune di ... .
2) Danno precontrattuale.

Per i citati motivi si può chiedere al Giudice di sospendere la procedura esecutiva?”
Consulenza legale i 22/04/2015
Va innanzitutto premesso che il quesito è estremamente complesso e che pertanto in questa sede si procederà solo ad un esame delle questioni più rilevanti.

- È possibile proporre al giudice dell’esecuzione un’istanza di sospensione dell’esecuzione forzata ai sensi degli articoli 295, 623 e 624 del Codice di procedura civile, con la motivazione che sussiste in danno del creditore procedente un reato di usura per l’applicazione di tassi usurari relativamente ad un prestito?

Purtroppo non ci consta che tale motivazione possa costituire una ragione alla base di una istanza di sospensione della procedura, al di là, ovviamente, della fattispecie specifica prevista per la tutela delle vittime di usura, che nel caso di specie è già stata sfruttata.
L'art. 295 riguarda il processo di cognizione, quindi non è applicabile nel nostro caso.
Gli artt. 623 e 624 parlano, il primo, di sospensione per legge o ad opera del giudice davanti al quale è impugnato il titolo esecutivo; il secondo, della sospensione che consegue all'opposizione all'esecuzione ai sensi degli artt. 615 e 619.

Si potrebbe, quindi, ipotizzare solamente la proposizione di una opposizione all'esecuzione ai sensi del secondo comma dell'art. 615 c.p.c., motivata sull'assenza del diritto del creditore a procedere forzatamente, quantomeno per la cifra relativa di interessi usurari. Nell'ambito di tale opposizione, si potrebbe chiedere la sospensione dell'esecuzione.
In merito agli interessi usurari, la riforma operata dalla legge 7 marzo 1996 n. 108 (che ha modificato l’1815 e l’644) comporta la nullità della clausola relativa agli interessi usurari, ferma la validità del contratto di mutuo: gli interessi sono sempre usurari quando superano il tasso-soglia corrispondente al tasso medio, aumentato della metà, degli interessi praticati dalle banche secondo le rilevazioni effettuate trimestralmente dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (TEGM – Tasso Effettivo Globale Medio); gli interessi sono usurari anche quando, pur inferiori al detto limite, risultino sproporzionati rispetto alla prestazione ricevuta, avuto riguardo alle modalità dell’operazione, se chi li ha dati versava in condizioni di difficoltà economica/finanziaria.
Quindi, se la vittima dell'usura è in grado di dimostrare al giudice civile l'usurarietà del tasso degli interessi (nel nostro caso, mediante la perizia), sarebbe ipotizzabile un accoglimento dell'opposizione all'esecuzione, che però andrebbe solo a ridurre l'importo per cui si procede.

- Abbiamo chiesto la proroga della sospensione dei termini, ma da un colloquio verbale con il Procuratore ci veniva comunicato verbalmente che la nostra richiesta non sarebbe stata accolta perché 2° richiesta di proroga, in quando una sentenza del 2015 diceva che non si potevano dare ulteriori proroghe. È così me lo conferma?

Sì, è esatto. La sospensione dei termini relativi a processi esecutivi mobiliari ed immobiliari prevista in favore delle vittime dell'usura ai sensi dell'art. 20 della legge n. 44/1999 non è prorogabile, trattandosi di una disposizione a carattere eccezionale di deroga alla normativa sulla decorrenza dei termini legali relativi alle procedure espropriative e all'attuazione dell'art. 2740 (cfr. Corte d'appello di Ancona, 27.6.2009; nello stesso senso, Trib. Vicenza, 3.1.2009).

- Poi il magistrato ipotizzava che se c’era un parente coinvolto poteva chiedere la proroga che sarebbe stata concessa, solo che erano scaduti i termini di scadenza (10 aprile) e non è stato possibile farlo in tempo. E’ cosi?

Non conoscendo i dettagli della questione, non è possibile rispondere.

- Nella nostra situazione è fattibile usare ciò che è stabilito dalla Legge 3 del 2012 sulla crisi da sovra indebitamento?

La nuova normativa consente anche ai consumatori di raggiungere un accordo di ristrutturazione dei debiti con i creditori rappresentanti almeno il 60% dei crediti; oppure, di predisporre un piano del consumatore; infine, di accedere a una procedura alternativa di liquidazione dei beni della durata di quattro anni.
Si tratta in ogni caso di procedimenti che implicano l'accordo con i creditori, ai quali si fa infatti divieto, sino alla omologazione del piano, di iniziare o proseguire azioni esecutive individuali o azioni cautelari, come anche il divieto sull'acquisto dei diritti di prelazione sul patrimonio del debitore. E' evidente che tale disciplina non "invoglia" il creditore a prestare il proprio consenso. Tuttavia, in astratto, essa potrebbe essere applicabile, anche se si dovrà vagliare con attenzione la complessiva situazione patrimoniale del debitore. Ovviamente, il debitore che chiede l'ammissione a una tale soluzione deve riconoscere i suoi debiti.
Nel caso di specie, se lo scopo è solo quello di fermare l'esecuzione in atto, tale soluzione non sembra quella più agevole da perseguire.

- Tra i beni che risultano dagli atti di pignoramento immobiliare sottoposti all’esecuzione forzata a favore del creditore-usuraio, ci sono 2 beni, che non sono stati pignorati dal creditore intervenuto...

Il fatto che l'intervenuto non abbia pignorato parte dei beni pignorati dal procedente non invalida affatto il procedimento. Se - per ipotesi - si ottenesse una sospensione del procedimento esecutivo, tale sospensione avrebbe effetto anche nei confronti dell'intervenuto. Quando la sospensione verrà meno (si ricordi: la sospensione non significa estinzione del processo! essa è sempre temporanea), i creditori potranno continuare l'esecuzione.
Non ci sembra quindi che sulla base di questi argomenti si possa ottenere una sospensione dell'espropriazione forzata in corso.

Testi per approfondire questo articolo

  • Guida ai mutui. Con CD-ROM

    Editore: Buffetti
    Collana: Fisco. Tributi
    Pagine: 140
    Data di pubblicazione: dicembre 2007
    Prezzo: 24,00 -10% 21,60 €
    Categorie: Mutuo
    Tutte le informazioni che il potenziale acquirente di un immobile non può ignorare se vuole porsi nelle condizioni di operare al meglio. Il testo spiega in modo semplice e chiaro le nozioni ed i termini che si troveranno poi nei contratti di mutuo da sottoscrivere, indica qual è la cifra massima - in rapporto al reddito - che è possibile chiedere ad un istituto di credito per evitare che la pratica sia respinta, fornisce le coordinate per poter contattare le banche a voi più vicine, insegna a... (continua)
  • Il Mutuo Bancario

    Editore: CEDAM
    Pagine: 926
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 90,00 -10% 81,00 €

    Un manuale per orientare le scelte degli operatori del diritto nel complesso settore del mutuo bancario nel quale si ritrovano a dover convivere, spesso tra loro in rapporto di conflittualità anche grave, contrapposti interessi, non solo di carattere patrimoniale, ma anche non patrimoniale.

    Centralità nel volume riveste il tema della tutela del consumatore al quale si affianca la materia, classica, della disciplina del contratto (forma del contratto, tempo della... (continua)

  • Il mutuo nella giurisprudenza

    Editore: Giuffrè
    Collana: Raccolta sistematica di giur. comment.
    Data di pubblicazione: giugno 2009
    Prezzo: 34,00 -10% 30,60 €
    Categorie: Mutuo

    SOMMARIO

    Il mutuo. La promessa di mutuo. Il mutuo condizionato. I contratti affini al mutuo - L'obbligazione degli interessi - L'obbligazione di restituzione - I modi di estinzione del mutuo diversi dalla scadenza del termine - Questioni processuali e tributarie - Il mutuo nel fallimento - Il mutuo di scopo - Indici: cronologico delle sentenze; analitico.

    (continua)
  • Mutui e finanziamenti. Le nuove garanzie. Concessione, opposizione alla negazione, rinegoziazione con la banca

    Autore: Agnese Andrea
    Pagine: 500
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 46,00 -10% 41,40 €
  • Scegliere il miglior mutuo immobiliare

    Collana: Quaderni di diritto immobiliare
    Pagine: 272
    Data di pubblicazione: settembre 2010
    Prezzo: 20,00 -10% 18,00 €
    Categorie: Mutuo

    Di proprietà o in affitto, monolocale o villa a schiera, la casa è oggi il bene primario di ogni cittadino.I Quaderni di diritto immobiliare nascono per dare risposte chiare e immediate al lettore su: acquisto e vendita, locazioni abitative e commerciali, ristrutturazioni e manutenzioni, finanziamenti, risparmio energetico, condo­minio, agenzie immobiliari.Ogni volume affronta una tematica specifica giovandosi di una trattazione completa e di facile lettura, per fornire... (continua)

  • Il divieto del patto commissorio

    Collana: Univ. Camerino
    Pagine: 376
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 42 €
  • Il contratto di mutuo. Guida pratico-operativa

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: novembre 2012
    Prezzo: 100,00 -10% 90,00 €
    Categorie: Mutuo

    Il testo ricostruisce in maniera organica il contratto di mutuo, affrontando le questioni relative alla promessa di mutuo, all'inadempimento e all'estinzione anticipata, alle garanzie, alle vicende estintive. Si pone attenzione anche all'interazione di tale istituto con altre fattispecie di particolare rilevanza pratica quali l'anatocismo convenzionale, bancario e giudiziale, la ripetizione dell'indebito, gli interessi e l'usura, i contratti di finanziamento, il credito al consumo, gli... (continua)